Domenica, 7 Marzo 2021
Napoli

La stanza degli sguardi per malati Covid e parenti: "Anche così si vince la malattia"

"Abbiamo ricavato questo spazio dall'accettazione del day surgery - spiega Giuseppe Noschese, responsabile Covid Unit della struttura - Lo abbiamo fatto perché capiamo quanto sia difficile per un familiare lasciare una persona qui e non poterlo più vedere"

E' una questione di cuore: la pandemia da Covid-19 si combatte anche con le emozioni, con il sollievo di non sentirsi abbandonati al proprio destino. Ed è questo che accade nella "stanza degli sguardi" dell'Ospedale del Mare, come mostra il video di Massimo Romano per NapoliToday.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Abbiamo ricavato questo spazio dall'accettazione del day surgery - spiega Giuseppe Noschese, responsabile Covid Unit della struttura - Lo abbiamo fatto perché capiamo quanto sia difficile per un familiare lasciare una persona qui e non poterlo più vedere. Un disagio che si trasforma in tensione con il personale. In questo modo, invece, i parenti possono tranquillizzarsi e chi è ricoverato può avere un'importante iniezione di energia". Pazienti e visitatori sono divisi da una parete di vetro. Non possono toccarsi, ma possono guardarsi e parlarsi. "Per loro è come vivere una rinascita" afferma Noschese.

E di rinascita si può parlare per Maria, 90 anni, che per due volte ha rischiato di perdere la vita. Il 1 gennaio è giunta in ospedale per un'altra patologia ed ha scoperto di aver contratto l'infezione da Covid. Per due volte è andata vicina alla morte, ma le sue condizioni sono migliorate e dopo quasi quaranta giorni di ricovero è pronta a incontrare le sue nipoti, che la attendono nella stanza degli sguardi. "E' un'emozione incredibile - racconta Mariana, la più grande - perché pensare che una donna della sua età debba affrontare questo calvario ci ha allarmati molto. Però lei è una roccia e con l'aiuto di Dio speriamo di poterla portare a casa tra qualche giorno".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La stanza degli sguardi per malati Covid e parenti: "Anche così si vince la malattia"

Today è in caricamento