rotate-mobile
Giovedì, 22 Febbraio 2024
La replica dall'Italia

"Gli anziani sono una ricchezza, altro che suicidio di massa"

Il valore stimato degli ultra 65enni in Italia oscilla tra i 323,5 e i 500 miliardi di euro, ovvero tra il 20 e il 30% del pil 2020

Continua a far discutere la provocazione di Yusuke Narita sul "seppuku", il suicidio di massa per gli anziani come soluzione ai problemi economici legati all'invecchiamento della popolazione in Giappone. Nel Paese più anziano al mondo il 27,3% della popolazione totale ha più di 65 anni. Gli anziani, spesso, decidono di rimandare la pensione in virtù della forte etica del lavoro e della consapevolezza di essere ancora importanti e necessari per la famiglia e la società.

Il suicidio rituale degli anziani per fermare l'invecchiamento della popolazione

Questo "non deve essere visto come un blocco del turnover o un ostacolo alle carriere dei più giovani, piuttosto come il punto di partenza per politiche che - non solo in Giappone - agevolino lo scambio tra generazioni accompagnandole in 'entrata' e in 'uscita'", ha dichiarato Gabriele Sampaolo, Segretario Generale della 50&Più, Associazione impegnata dal 1974 nella difesa dei diritti delle persone anziane e nella promozione dell’invecchiamento attivo in Italia e nel mondo. Le parole dell’accademico di Yale sono "inaccettabili", perché "gli anziani sono una ricchezza". Il valore stimato degli ultra 65enni in Italia oscilla tra i 323,5 e i 500 miliardi di euro, ovvero tra il 20 e il 30% del pil 2020. "Senza contare che la Silver Economy può consentire la creazione di nuove start-up e il rafforzamento di molte imprese. Motivi per pensare che la transizione demografica rappresenta un’opportunità, non un problema, e l’invecchiamento è certamente una risorsa".

Sempre di meno e sempre più anziani: questa è l'Italia

Sampaolo ha invitato l’accademico di Yale a "conoscere la nostra realtà, partecipando a uno dei nostri tanti eventi di carattere nazionale che vede la partecipazione di migliaia di persone anziane cimentarsi nelle più svariate discipline, dallo sport all’arte. E lo invitiamo, ancora, a sedere insieme a noi ai tavoli istituzionali dove in ogni occasione portiamo le istanze degli over 50. In Italia i senior sono il motore della società, sono bagaglio di cultura e di esperienze, sono baluardo di nuovi progressi. Dichiarazioni di questo tipo sono frutto di una cultura debole che a fronte di grandi problemi finisce per semplificare "prendendosela" con le categorie meno tutelate".

Continua a leggere su Today.it

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Gli anziani sono una ricchezza, altro che suicidio di massa"

Today è in caricamento