Giovedì, 25 Febbraio 2021

Terapie intensive, le 12 regioni oltre la soglia critica

I dati elaborati da Agenas: nei reparti ordinari un ricovero su due è per Covid

Foto di repertorio

La soglia del 30% di posti letto di terapia intensiva occupati da pazienti Covid-19, definita "critica" dal ministero della Salute nell'emergenza coronavirus è stata ormai ampiamente superata. Stando ai dati elaborati dall'Agenas, l'Agenzia nazionale per i Servizi sanitari regionali (e aggiornati al 10 novembre) la media italiana è infatti salita rapidamente negli ultimi giorni attestandosi al 37%, ma è allarme rosso in 11 regioni e nelle 2 Province autonome del Trentino Alto Adige, che l'hanno ampiamente superata.

In cima alla 'lista nera' l'Umbria che ha toccato ormai il 57% di saturazione dei suoi posti letto di intensiva, seguita da Piemonte (56%), Provincia autonoma di Bolzano e Lombardia al 54%. 

  • Abruzzo 26%
  • Basilicata non pervenuta
  • Calabria 16%
  • Campania 33%
  • Emilia Romagna 38%
  • Friuli Venezia Giulia 27%
  • Lazio 27%
  • Liguria 44%
  • Lombardia 54%
  • Marche 46%
  • Molise 21%
  • Piemonte 56%;
  • Pa Bolzano 54%,
  • Pa Trento 42%
  • Puglia 30%
  • Sardegna 30%
  • Sicilia 27%
  • Toscana 47%
  • Umbria 57%
  • Valle D’Aosta 50%
  • Veneto 20%

In tutto dunque in 12 regioni il livello di guardia è stato raggiunto o superato: Campania, Emilia Romagna, Liguria, Lombardia, Marche, Piemonte, Trentino Alto Adige, Toscana, Umbria, Valle D’Aosta, Puglia 30%, Sardegna 30%.

Un ricovero su due è per Covid

La media dei pazienti Covid in area non critica ha invece raggiunto il 52%. In altre parole più della metà dei ricoveri nei reparti di area medica (malattie infettive, medicina generale e pneumologia) degli ospedali italiani riguarda pazienti Covid. Una percentuale media, quella italiana, che supera di molto la soglia del 40% definita 'critica' dal ministero della Salute. E che è ampiamente 'sforata' da 11 regioni, con punte massime del 99% nella Provincia autonoma di Bolzano, del 92% in Piemonte, dell'86% in Valle d'Aosta, seguita dalla Lombardia con il 75%. 

La lettera dei medici: "Afflusso di pazienti abnorme, la situazione è drammatica"

Intanto va registrato l'ennesima presa di posizione dei camici bianchi e degli operatori sanitari. Gli ospedali italiani "sono ormai vicini al collasso a causa di due fattori concomitanti: carenza di personale sanitario e mancanza dei posti letto, a fronte dell'abnorme afflusso di malati per la rapida e vertiginosa diffusione dell'infezione virale". Lo segnalano in una lettera aperta le società scientifiche degli internisti, Fadoi e Simi, dei geriatri, Sigg e Sigot, e l'associazione degli infermieri di Medicina interna, Animo, denunciando la "drammatica situazione ospedaliera" dovuta alla pandemia da Covid-19. "E' corretto e logico monitorare la crescente saturazione dei posti letto nelle terapie intensive - scrivono i presidenti delle società - ma in tante regioni i tassi di occupazione dei reparti di Area medica sono ormai superiori al 100%, considerando anche la presenza dei malati non Covid che continuiamo ad assistere, ma le cui possibilità di accesso agli ospedali si stanno riducendo. Una conseguenza probabile, se non certa - avvertono i medici - sarà l'incapacità di garantire gli standard qualitativi per le cure a tutti i malati cronici e ai malati acuti non Covid, oltre a ulteriori criticità e ritardi nel campo della prevenzione".

"La situazione sanitaria è drammatica - ripetono gli specialisti - e noi medici e infermieri di Area medica, sia nei nostri reparti sia in altri reparti ultra-specialistici rapidamente riconvertiti in Unità Covid, ci prendiamo cura di oltre il 70% dei malati Covid ricoverati in ospedale, garantendo tutte le cure, compresa l'ossigenoterapia e la ventilazione non invasiva, cercando di strappare il paziente all'intubazione o alla morte". Per questo "sentiamo il dovere di sensibilizzare l'opinione pubblica sulla reale situazione che viviamo ogni giorno negli ospedali".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Terapie intensive, le 12 regioni oltre la soglia critica

Today è in caricamento