Martedì, 18 Maggio 2021
L'Aquila

Terremoto a L'Aquila, dopo la terra tremano le casse

A 11 anni dal terremoto dell'Abruzzo il suo capoluogo e i 56 comuni del "cratere " sono ancora un cantiere che drena miliardi di euro: 18 quelli spesi fin qui, ma mancano altri quattro miliardi di euro. E i sindaci si rivolgono a Mattarella mentre WindTre lascia 160 dipendenti senza futuro

Sergio Mattarella con il cardinale Giuseppe Petrocchi e il sindaco dell'Aquila Pierluigi Biondi in visita al cantiere del Duomo ancora in ricostruzione (Foto archivio Ansa)

L'Italia non dimentichi L'Aquila e le zone colpite dal sisma del 2009 affinché la loro ricostruzione torni al centro dell'agenda politica nazionale. È il senso dell'appello che il sindaco dell'Aquila, Pierluigi Biondi, ha promosso e consegnato oggi al presidente della Repubblica, Sergio Mattarella.

Si perché a undici anni dal terribile sisma che il 6 aprile 2009 ha terremotato 57 Comuni abruzzesi la ricostruzione è ancora in corso e drena miliardi di euro: 18 ne sono stati spesi fino ad oggi, ma secondo i sindaci del "cratere" ne servono altri 4 per portare a termine l'opera.

Secondo una inchiesta realizzata dall'agenzia Ansa per il decennale del terremoto, se la ricostruzione privata del centro storico de L'Aquila è in fase avanzata, la vera ombra riguarda la ricostruzione pubblica, praticamente al palo, e in particolare quella delle scuole. Le 60 frazioni del capoluogo mostrano evidenti i segni dei ritardi mentre nei 56 Comuni del cratere la ricostruzione muove appena i primi passi.

"Quest'anno terminano i fondi per la ricostruzione del capoluogo d'Abruzzo e degli altri 56 comuni coinvolti dal terremoto di 11 anni fa - ha spiegato il primo cittadino Pierluigi Biondi al presidente Mattarella - È necessario, pertanto, che il Governo individui e stanzi le risorse necessarie a completare il percorso di rinascita".

Per queste ragioni, al Presidente del Consiglio, anche quale titolare della delega alla Ricostruzione, chiediamo:

di assumere impegni formali ai fini di garantire, attraverso idonei strumenti normativi, risorse certe per la ricostruzione, da trasferire secondo tempistiche adeguate, nella misura valutata e indicata dai titolari degli Uffici speciali, per il quinquennio 2021-2025;

misure normative semplificate e strumenti legislativi utili per accelerare il processo di ricostruzione, con particolare riferimento al comparto dell’edilizia pubblica e scolastica. Non possiamo essere lasciati soli, sospesi nell’attesa di un ritorno alla normalità per il quale abbiamo lottato, nel quale abbiamo creduto, in nome del quale abbiamo ipotecato le nostre vite e il futuro dei nostri figli.

L'appello è stato promosso dai 57 sindaci insieme al presidente della Regione Abruzzo, Marco Marsilio, e dai presidenti delle province dell'Aquila, Teramo e Pescara, rispettivamente Angelo Caruso, Diego Di Bonaventura e Antonio Zaffiri.

Oltre alle risorse economiche vengono invocate norme semplificate e più snelle nei processi di ricostruzione pubblica. Ad oggi i cantieri hanno permesso di recuperare buona parte degli immobili lesionati e progettare misure parallele per la ripresa economica e sociale. Ma resta ancora molto da fare.

L'Aquila, WindTre se ne va: 160 famiglie senza stipendio

Proprio oggi è inoltre arrivata una brutta notizia per i 160 lavoratori di Customer2Care che lavorano la commessa WindTre, commessa su cui pesa una disdetta del contratto di subappalto.

"L'operatore telefonico nel 2016 si era impegnato a garantire i livelli occupazionali e contrattuali nella sede di L'Aquila, oggi invece volta le spalle alla città ed ai 160 lavoratori” spiega Stefania Pezzopane, della Presidenza del Gruppo Pd alla Camera.

Su questo è stata presentata un’interrogazione parlamentare al ministro del Lavoro, Nunzia Catalfo e al ministro dello Sviluppo economico, Stefano Patuanelli. "È un tradimento della promessa fatta alla città dall'operatore telefonico nel 2016. WindTre deve fornire riscontro immediatamente".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Terremoto a L'Aquila, dopo la terra tremano le casse

Today è in caricamento