Domenica, 7 Marzo 2021
Napoli

Si candida con Salvini, calciatrice messa fuori dalla rosa della squadra antirazzista

Duro il comunicato della società che parla di incompatibilità. Le compagnie di squadra domenica hanno scelto di non scendere in campo in segno di solidarietà con il proprio capitano

Titty Astarita (foto Facebook)

Titty Astarita, calciatrice dell'AfroNapoli - una squadra che da tempo ha fatto della multiculturalità la propria bandiera - è finita fuori rosa dopo essersi candidata al Comune di Marano in una lista di centrodestra collegata alla Lega di Matteo Salvini. 

La sua esclusione ha causato diversi malumori all'interno della squadra di calcio femminile, che ieri si è rifiutata di scendere in campo ad Agnano per una gara di Coppa Campania in segno di solidarietà per l'esclusione del suo capitano. 

"Che compatibilità può esistere fra l'Italia dell'amministrazione leghista di Lodi che nega la mensa scolastica ai figli degli immigrati più poveri e l'Afro-Napoli? - chiede la società in un comunicato - Quale terreno d'incontro e di dialogo, fra chi sta provando ad annientare il modello d'integrazione virtuosa di Riace e i valori che abbiamo messo insieme al pallone a centrocampo dalla nostra prima partita? Quanto è conciliabile il razzismo dei colpi di arma di fuoco contro migranti e rifugiati, legittimato istituzionalmente dall'alto e fattosi senso comune al punto di spingere dei ragazzini baresi a ricoprire di schiuma un loro coetaneo di origini straniere 'così diventa bianco', con il progetto di inclusione che ci vede in campo dal 2009? La scelta di Titty Astarita ci ha lasciato perciò esterrefatti. Ci addolora la sua perseveranza nel rifiutare il passo indietro da noi richiestole, soprattutto perché dopo un anno di partecipazione alle vicende dell'Afro-Napoli, in un ruolo chiave di rappresentanza, le dovrebbe essere stato chiaro che quella candidatura la poneva automaticamente fuori dal perimetro dell'idee-guida che sono alla base del nostro sodalizio".

Staffetta d'oro, la foto simbolo dell'Italia "vincente e multiculturale" 

Sul proprio sito la società si presenta così: "L'Afro-Napoli United è un'Associazione Sportiva Dilettantistica nata con l’intento di adoperare il principio secondo il quale lo sport può e deve essere, oltre una semplice disciplina per allenare il fisico, anche un veicolo per l'insegnamento di valori sociali ed etici ed un metodo per abbattere i tabù razziali". 

Dal canto suo Astarita ha lanciato un appello: "Visto che la società sposa un progetto politico diverso dal mio, ha deciso di mettermi fuori squadra qualora io non ritirassi la mia candidatura. Ho ricevuto la solidarietà di tutta la mia squadra, che ha deciso di non scendere in campo. Faccio un appello alla società e agli organi competenti affinché questa situazione si possa risolvere. Il calcio deve restare fuori dalla politica, deve essere solo divertimento". 

La notizia su NapoliToday

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Si candida con Salvini, calciatrice messa fuori dalla rosa della squadra antirazzista

Today è in caricamento