Mercoledì, 3 Marzo 2021
Opacità

I misteriosi faccendieri dei vaccini Covid sottobanco: "Vuoi un milione di dosi?"

Il tema è molto spinoso. Crisanti: "C'è qualcosa che non quadra". Come funziona questo mercato parallelo? AstraZeneca e Pfizer hanno ampiamente smentito, non possono vendere a privati, singoli Stati o enti locali. Come stanno le cose

Le aziende farmaceutiche l'hanno già detto più volte con note ufficiali: non ci sono intermediari, non esiste. Ma pare che fiocchino da tutte le parti, sul web e non solo, i vaccini anti-Covid. Come stanno davvero le cose?  Luca Zaia si è confrontato con il commissario Domenico Arcuri sulle forniture di vaccini anti-coronavirus individuate dal Veneto sul mercato. "Noi abbiamo chiesto che si faccia una verifica fino in fondo".

Il mercato parallelo dei vaccini anti-Covid

Ci sono stati nelle scorse settimane episodi parecchio strani: come racconta oggi la Stampa, un milione di dosi AstraZeneca sono state offerte da un intermediario brasiliano all’ufficio del commissario all’emergenza. La scena pullula di intermediari che assicurano di avere società in Svizzera e in Italia: «Volete Pfizer, ce l’ho! AstraZeneca in questo momento ho qualche problema. Però se Ema lo autorizzasse ho pronto anche lo Sputnik. Ho già i contratti". Millantano oppure ci sono realmente dosi in vendita a chi mette sul tavolo i soldoi necessari? 

Il tema è molto spinoso. "Sento parlare in questi giorni di mercato parallelo dei vaccini anti-Covid. Chiamiamolo pure mercato 'opaco'. Perché la connotazione che viene attribuita dalla parola parallelo è meno oscura di quello che è realmente. Del resto, come lo chiamereste un mercato che non origina direttamente dalla ditta produttrice?" riflette il virologo Andrea Crisanti, che si dice spazientito dai discorsi che chiamano in causa "senza la necessaria chiarezza" la possibilità di trattare acquisti di ulteriori dosi di vaccini anti-Covid.

Crisanti: "C'è qualcosa che non quadra"

"Ho letto di intermediari. Semplicemente mi stupisco - spiega all'Adnkronos Salute parlando delle problematiche che stanno influenzando la velocità con cui procede la campagna vaccinale in Italia - Sentiamo dire ogni giorno da più parti che la vaccinazione risente dei problemi di consegne delle partite di dosi ordinate, le aziende lamentano problemi di produzione e fanno fatica a star dietro agli ordini scritti su contratti siglati da mesi. E poi scopriamo che ci sono in giro più di 20 milioni di dosi di vaccini disponibili", osserva citando solo quelli annunciati dal governatore veneto Luca Zaia. Sull'altro fronte, nei giorni scorsi, le aziende Pfizer e AstraZeneca hanno precisato che non c'è da parte loro un'attività di vendita di vaccini anti-Covid a privati. "Quindi c'è qualcosa che non quadra". Poco ma sicuro

Come funziona questo mercato parallelo? I faccendieri-intermediari agiscono nella legalità, sono affidabili? Negli scorsi giorni l’ufficio europeo per la lotta antifrode (Olaf) ha aperto un’inchiesta dopo aver ricevuto una serie di denunce da parte delle autorità pubbliche: ritengono si tratti di truffe, quasi sempre. 

Vaccini contraffatti o, nella stragrande maggioranza dei casi, millanterie: spediscono qualche campione del vaccino, chiedono il versamento di un acconto, poi spariscono.

Alcuni intermediari dicono che le aziende produttrici dopo che hanno onorato l’accordo con la Ue possono vendere a chiunque. Ma AstraZeneca e Pfizer ad esempio hanno ampiamente smentito, non possono vendere a privati, singoli Stati o enti locali.

Nei giorni scorsi il premier ceco Andrej Babis ha rivelato in Parlamento di aver ricevuto (e rifiutato) un’offerta per acquistare il vaccino di AstraZeneca da un intermediario basato a Dubai. Alla firma del contratto chiedeva un acconto pari al 50%. Prendi i soldi e scappa.

"E' evidente che esiste un mercato parallelo dei vaccini ed è ormai chiaro che non è proibito comprare" diceva la scorsa settimana il presidente del Veneto, Luca Zaia, nel corso di un punto stampa covid a Marghera. "Se la Ue ha firmato un contratto per una quota x di vaccini - ha proseguito - non ha considerato l'inoptato che va sul mercato, ho l'impressione che stia accadendo questo. E' chiaro che se si va sul mercato libero chi ha soldi potrà permettersi di acquistare. Sul fronte della negoziazione dell'Europa doveva considerare il surplus che andava sul mercato libero e devo dire che anche le Big Pharm non si sono mai espresse su questo punto". 

Pfizer: "I nostri contratti sono con i governi"

"Durante la pandemia i nostri contratti sono con i governi e forniremo i vaccini secondo il canale da loro prescelto e i luoghi di vaccinazione designati, soggetti ad autorizzazione o approvazione regolatoria. Pfizer e BioNTech non stanno fornendo il loro vaccino al mercato privato in questo momento" ha precisato qualche giorno fa Pfizer all'Adnkronos Salute, in merito alle voci relative a un presunto un mercato parallelo dei vaccini anti-Covid disponibili per l'uso in Ue.

"E' importante - sottolineano dall'azienda - che i vaccini rimangano all'interno della catena di fornitura stabilita in modo da poter garantire che le dosi raggiungano le popolazioni designate in buone condizioni, e che vengano somministrate dove esistono un supporto appropriato per gli operatori sanitari e il monitoraggio della farmacovigilanza". "Pfizer - spiegano ancora dal gruppo farmaceutico - ha sviluppato piani e strumenti logistici dettagliati per assicurare il corretto trasporto del vaccino, la conservazione e il monitoraggio continuo della temperatura. La nostra distribuzione si basa su un sistema flessibile, just-in-time, che spedisce le fiale congelate al punto di vaccinazione".

Cavaleri (Ema): "Non escludo che ci siano lotti in vendita provenienti da paesi extraeuropei"

"Nella Ue la distribuzione passa attraverso i governi - dice Marco Cavaleri, responsabile della Strategia per le minacce alla salute e i vaccini presso l`Ema (Agenzia Europea per i Medicinali) in un'intervista a Il Giornale. - Ma non escludo che ci siano lotti in vendita provenienti da paesi extraeuropei, come India ed Emirati", dice il dirigente Ema che avverte: "Girano vaccini contraffatti. Abbiamo già avuto una segnalazione dalla Polonia dove un mediatore cercava di vendere Pfizer contraffatto al mercato nero, un prodotto molto raffinato, quasi identico all'originale. Questo è un campanello d'allarme. I governi devono vigilare attentamente, acquistare attraverso canali ufficiali. C`è in gioco la vita e la salute delle persone".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I misteriosi faccendieri dei vaccini Covid sottobanco: "Vuoi un milione di dosi?"

Today è in caricamento