Domenica, 13 Giugno 2021
Attualità Modena

Il caso dei vaccini anti-Covid dati a figli e parenti: "Gravissimo"

Il "contrattempo" al termine della sessione per il personale sanitario modenese di martedì 5 gennaio a Baggiovara. Alcuni familiari degli operatori hanno ricevuto la prima dose Pfizer, infrangendo il protocollo previsto. Che cosa è successo davvero. Indagano i Nas

La buona fede non la mette in dubbio nessuno al momento, non ce ne sarebbe francamente davvero motivo in base agli elementi emersi fino a oggi. Ma fare chiarezza è doveroso. Il "contrattempo" è successo durante - o meglio, al termine - della sessione di vaccinazioni anti-Covid per il personale sanitario modenese di martedì 5 gennaio a Baggiovara. Alcuni parenti degli operatori sanitari sono stati vaccinati, infrangendo il protocollo previsto. Perché erano lì? Un gesto compiuto in buona fede, per non sprecare le dosi del farmaco Pfizer-BioNtech che hanno una durata limitata nel tempo, ma che evidentemente ha generato discriminazioni e violato le norme rigide previste per la campagna vaccinale.

I vaccini avanzati somministrati ai parenti

Un volontario ha poi pubblicato sui social le foto delle figlie intente a fare il vaccino, e la polemica è stata inevitabile. La stessa Ausl di Modena è stata costretta ad intervenire e ad aprire un'istruttoria che potrebbe portare a provvedimenti nei confronti di chi ha aggirato le regole. L'Azienda sanitaria ha dato la sua versione dei fatti: "Quando alla fine della giornata di vaccinazione rimangono alcune dosi già ricomposte, poiché la loro durata è di sole sei ore e non possono dunque essere utilizzate il giorno successivo, vengono contattati operatori sanitari che hanno dato la disponibilità ad essere vaccinati (persone già presenti in ospedale oppure già prenotate in altre giornate) al fine di non sprecare nessuna dose. Questa è la procedura, già chiaramente esplicitata a tutti, stabilita nell’ambito del gruppo di lavoro per un utilizzo efficiente delle dosi, nel rispetto delle indicazioni ministeriali: non sprecarne nessuna invitando alla somministrazione persone aventi diritto al vaccino. Quanto avvenuto ieri, dunque, non risponde ad alcuna direttiva o indicazione fornita dall’Azienda".

Cosa è successo quindi martedì a Modena? "A fine seduta vaccinale pomeridiana, avendo espletato la procedura prevista e avanzando ancora alcune dosi inutilizzate, alcuni operatori al lavoro nel punto vaccinale, in totale autonomia, hanno pensato di contattare alcuni propri congiunti, con l’idea di non sprecare dosi che non avrebbero potute essere utilizzate il giorno successivo. Appena venuti a conoscenza di ciò, gli altri professionisti presenti hanno subito informato il responsabile del Punto vaccinale e la Direzione aziendale, che hanno dato perentorie indicazioni di bloccare immediatamente qualsiasi iniziativa in tal senso. Purtroppo però i vaccinatori, assolutamente non al corrente di quanto stava accadendo, avevano già somministrato alcuni vaccini. Dunque si è venuti a conoscenza che le persone contattate non erano tra gli aventi diritto soltanto a vaccinazione già avvenuta".

E' partita un’istruttoria urgente al fine di individuare tutte le persone responsabili di tale condotta, operatori sanitari o altre figure impegnate nel coadiuvare i team vaccinali in qualità di volontari."Questo per giungere a una verifica completa dei fatti e poter procedere alle necessarie azioni, a tutela propria e di tutti coloro che ogni giorno, in questa campagna vaccinale, sono impegnate a garantire la vaccinazione nel massimo rispetto di tutte le procedure. Consapevole della gravità dell’errore commesso e dell’impatto che ciò può generare sulla popolazione che attende il vaccino, ci scusiamo con tutti i cittadini e ci impegnamo - chiosa l'Ausl - garantire la massima trasparenza, così come è stato fatto fin dall’inizio, nelle procedure di somministrazione e utilizzo del vaccino".

I carabinieri del Nas di Parma hanno avviato indagini

I carabinieri del Nas di Parma hanno avviato indagini sulla notizia delle dosi avanzate di vaccino Pfizer Biontech che a Modena sarebbero state somministrate a figli e parenti di operatori sanitari. Si tratta di accertamenti preliminari. Solo in seguito si valuterà un eventuale rilievo penale. 

Le boccette del vaccino Pfizer-Biontech, una volta aperte, hanno una durata di poche ore.

Perché la terza ondata è in arrivo e l'impatto dei vaccini è molto lontano

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il caso dei vaccini anti-Covid dati a figli e parenti: "Gravissimo"

Today è in caricamento