rotate-mobile
Martedì, 30 Novembre 2021
Lotta al virus

Vaccini: crollano le prime dosi. L'obiettivo del 90% si allontana al 2022

La spinta del Green Pass sembra esaurita, il governo studia possibili soluzioni. Intanto procede spedita la campagna per il booster; "dopo i fragili, terza dose agli insegnanti"

L'Italia fa meglio della media europea in fatto di vaccini ma il traguardo dell'immunità di gregge rischia di allontanarsi al 2022. Mentre procede spedita la somministrazione del booster a fragili, immunodepressi e over 60, le prime dosi hanno registrato un forte rallentamento negli ultimi giorni, attestandosi circa sulle 20mila quotidiane.

Cifra ben lontana dal record delle oltre 461mila toccato a giugno e che farebbe pensare che si sia ormai esaurita la spinta del Green Pass. Di certo rende più distante nel tempo l'obiettivo  del 90% di vaccinazioni fissato dal commissario all'emergenza, Francesco Paolo Figliuolo.

Figliuolo: "Sui vaccini Italia meglio della media europa"

"La campagna sta continuando perché il nostro obiettivo è sfondare la soglia dell'86% di prime dosi per portarci ancora più avanti verso il 90%", ha ribadito il commissario, sottolienando che l'Italia sta comunque facendo meglio della media europea, posizionandosi "davanti a paesi come la Germania, la Francia e il Regno Unito, per numero di vaccinati".

nuovi vaccini tamponi-2

Le ipotesi allo studio del governo

Che fare, dunque, per impedire la frenata delle prime dosi? Al momento al ministero della Salute si ragiona su un ventaglio di ipotesi, tra cui l'estensione del Green Pass anche al 2022 - e comunque oltre la scadenza del 31 dicembre - e l'introduzione dell'obbligo vaccinale per alcune categorie di lavoratori, come avviene ora per il personale sanitario.

Terza dose: siamo a un terzo del totale

Intanto procede di buon passo la campagna delle terze dosi:  lunedì ne sono state somministrate 69mila, martedì 75mila. E in totale siamo a un terzo del totale, con 1,2 milioni di punture già fatte.

Proprio oggi il ministro dell'Istruzione Bianchi ha chiesto che - dopo le categorie più a rischio - siano gli insegnanti a ricevere il cosiddetto booster.  
 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Vaccini: crollano le prime dosi. L'obiettivo del 90% si allontana al 2022

Today è in caricamento