rotate-mobile
Martedì, 7 Dicembre 2021
Verso l'ok dell'Aifa

Vaccino Covid ai bambini tra 5 e 11 anni: quando si partirà in tutte le Regioni

Le parole degli esperti Palù e Tamburlini tranquillizzano i genitori. Quando inizieranno le somministrazioni? Speranza ipotizza il 20 dicembre

"Il Cdc americano, la massima autorità per il controllo delle malattie infettive, ha già raccomandato l'uso di questo vaccino, prodotto da Pfizer.
Gli studi presentati dall'azienda per avere l'autorizzazione al commercio, arrivata in Usa il 29 ottobre scorso, hanno coinvolto 2.400 bambini. L'efficacia si è rivelata del 90,7% nel prevenire la malattia sintomatica, non si sono visti effetti avversi di rilievo". Così in una intervista al Corriere della Sera, Giorgio Palù, virologo del Comitato tecnico scientifico e presidente del consiglio di amministrazione dell'agenzia italiana del farmaco Aifa, commenta l'ok dell'Ema, l'ente regolatorio europeo, ai vaccini covid (solo Pfizer, con dose ridotta) ai bambini tra 5 e 11 anni di età. Solo con il via libera dell'Aifa le somministrazioni partiranno anche in Italia. Probabilmente accadrà a dicembre, non c'è una data al momento.

Palù sottolinea: "Io affermo esplicitamente che il Covid 19 è diventata una malattia pediatrica, tra le prime cause di morte a questa età. Mentre nessuna giovane vita è stata interrotta a causa del vaccino anti Covid". Sugli effetti collaterali manifestatisi in alcuni adolescenti che si sono vaccinati, Palù sottolinea: "I problemi di miocardite, l'infiammazione al cuore che si è manifestata in ragazzi più grandi, in questa fascia d'età sono stati rarissimi e mai seri. Mentre invece è maggiore il rischio di prendere il Covid e sviluppare una sindrome infiammatoria, la Mis-C, che è graveecolpisce molti organi". Secondo il professore "i benefici sono diretti e indiretti. Nel 2020, sempre secondo il Cdc, il 3% dei piccoli hanno avuto l'infezione, oggi siamo al 25% perché circola la variante Delta, molto più contagiosa. Su migliaia di ricoveri pediatrici in ospedale, un terzo hanno riguardato bimbi sani che in parte hanno avuto bisogno di cure in terapia intensiva".

Giorgio Tamburlini, pediatra, epidemiologo, già direttore scientifico del Burlo Garofolo di Trieste, presidente del Centro per la salute del Bambino-onlus, commenta sulla Stampa l'ok al vaccino Pfizer nella fascia 5-11 anni (4 milioni in Italia. Il Pfizer per i più piccoli è "sicuro e ben tollerato", previene oltre il 90% delle infezioni, riduce di molto la complicanza più temuta, la Mis-C, sindrome infiammatoria multisistemica osservata finora con un’incidenza di 3-5 per 10.000 soggetti under 21. I numeri cosa dicono? "Non si tratta di bianco e nero, ma di probabilità comparate. La comunicazione è fondamentale per far capire che il Covid può avere effetti secondari non frequenti, ma non banali. Gli argomenti sono forti e, in questa fase, ne sappiamo un po’ di più rispetto a inizio campagna. Sappiamo anche che la fascia 5-11 si sta infettando non poco e diffonde più rapidamente il contagio".

Per ora per la fascia 5-11 è prevista una sola dose, poi si vedrà. Per iniziare a somministrarlo, ha spiegato Speranza, si deve attendere almeno fino al 20 dicembre, perché Pfizer non riuscirà a consegnarli prima e nemmeno si possono utilizzare quelli in frigo perché nella versione per bambini il dosaggio è ridotto a un terzo. Che i tempi non siano sembra appare scontata.

Vaccino anti Covid ai bambini: approvato Pfizer in dose ridotta

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Vaccino Covid ai bambini tra 5 e 11 anni: quando si partirà in tutte le Regioni

Today è in caricamento