Giovedì, 6 Maggio 2021
Lo studio

L’annuncio di Pfizer-BioNtech: vaccino efficace “al 100%” su ragazzi tra i 12 e i 15 anni

Le due società intendono sottoporre quando prima i dati alla Food and Drug Administration nella speranza di poter iniziare le vaccinazioni prima dell’inizio dell’anno scolastico. Lo studio di fase III non è ancora stato sottoposto a peer review né pubblicato su una rivista scientifica

Il vaccino Pfizer-BioNTech si rivelato “sicuro ed efficace” addirittura al 100% nel prevenire la malattia nei giovani di età compresa tra i 12 e i 15 anni. L’annuncio è arrivato con una nota congiunta firmata dalle due aziende, che nelle prossime settimane contano di presentare i dati alla Food and Drug Administration (Fda), l’ente regolatore statunitense, per chiedere l’autorizzazione per l’uso di emergenza. La richiesta sarà avanzata anche alle autorità di regolamentazione di tutto il mondo. Albert Bourla, amministratore delegato di Pfizer, spera che che le vaccinazioni per questa fascia d’età possano iniziare prima del prossimo anno scolastico. 

L’annuncio di Pfizer-BioNTech ha suscitato entusiasmo tra gli esperti anche se la cautela è d’obbligo: lo studio di fase III non è stato ancora sottoposto a peer-review né pubblicato su alcuna rivista scientifica.

I risultati del vaccino Pfizer-BioNTech nei ragazzi tra i 12 e i 15 anni

La sperimentazione clinica è stata condotta negli Stati Uniti su 2.260 ragazzi tra i 12 e i 15 anni: nel gruppo che ha ricevuto il placebo si sono verificati 18 casi di coronavirus, a fronte di zero casi in quello che invece ha ricevuto il vaccino. 

Il vaccino, dicono le due aziende, ha "un’efficacia del 100%” e “ha innescato una risposta immunitaria anche più robusta di quella vista nei giorni adulti”. Il vaccino è stato "ben tollerato" dal gruppo di età. Non sono stati segnalati gravi effetti collaterali.

La sperimentazione clinica continua

Il vaccino Pfizer-BioNTech, basato sull’Rna messaggero (mRNA), è stato il primo vaccino antiCovid ad essere approvato nei paesi occidentali alla fine dell’anno scorso. Il suo utilizzo è stato approvato per persone di età pari o superiore ai 16 anni sia negli Stati Uniti sia nell’Unione europea e al momento è stato utilizzato da milioni di adulti in più di 65 paesi. 

Pfizer e BioNTech hanno avviato una sperimentazione clinica del vaccino sui bambino al di sotto dei 12 anni e la scorsa settimana sono iniziati i test su un primo gruppo di bambini tra i 5 e gli 11 anni. 

Altre aziende produttrici di vaccini si stanno muovendo in questo direzione. I risultati dello studio condotto da Moderna su adolescenti tra i 12 e i 17 anni sono attesi nelle prossime settimane, mentre per quello condotto su bambini tra i 6 mesi e i 12 anni bisognerà attendere ancora qualche mese. AstraZeneca ha già iniziato a testare il vaccino sui bambino di età pari o superiore a 6 mesi. Anche Johnson&Johnson si sta muovendo per un vaccino per i più giovani. 

Continua a leggere su Today.it

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L’annuncio di Pfizer-BioNtech: vaccino efficace “al 100%” su ragazzi tra i 12 e i 15 anni

Today è in caricamento