Giovedì, 4 Marzo 2021
Stati Uniti d'America

“I ricchi potranno avere il vaccino prima. Pericolo mercato nero”

I primi casi si stanno già verificando negli Stati Uniti. Alcuni magnati stanno andando in Florida a far vaccinare le loro famiglie. C'è la possibilità che venga acquistato in India

Ancora una volta essere ricco potrebbe portare dei vantaggi. La pandemia in questo non ha finora fatto eccezioni e sembra non volerne fare nemmeno nella fase del vaccino, unico modo per vedere la luce in fondo al tunnel. Arriva da più parti negli Stati Uniti l'accusa secondo cui l'attuale sistema delle vaccinazioni potrebbe favorire le persone che hanno potere per mettersi in fila o i ricchi con possibilità di acquistarne dosi. Il doppio scenario ha costretto le autorità a ricorrere a delle contromisure. Il governatore dello Stato di New York, Andrew Cuomo vuole imporre multe fino a un milione di dollari e revocare licenze a medici o infermieri che non rispettino le linee guida statali per la somministrazione del vaccino.

I primi casi di “sorpassi” da parte di ricchi 

I primi casi di “sorpassi” sospetti sono già stati segnalati in altre zone del Paese. È il caso di Miami dove alcuni grandi donatori di ospedali e magnati proprio di New York sono riusciti a ottenere dosi per sé e per propri familiari portandoli proprio in Florida. Avvantaggiati in Colorado, invece, gli insegnanti delle scuole private rispetto a quelle pubbliche. A lanciare l'allarme è stato, tra gli altri, Arthur Caplan della Grossman School of Medicine della New York University e uno dei massimi esperti di bioetica della nazione. “Stiamo sentendo parlare di alcuni politici, alcuni amministratori di grandi ospedali e altri che hanno passati davanti agli operatori sanitari e agli anziani. Ho anche sentito dire che alcune aziende, di produzione e distribuzione di farmaci, che stanno dicendo che non appena i contratti governativi saranno rispettati, renderanno prioritaria la somministrazione di vaccini”. Il risultato sarà prezzi più alti per tutti gli altri. “Tutto ciò che è visto come salvavita, salvavita e che scarseggia crea mercati neri”, ha detto Caplan, facendo eco alle osservazioni fatte in un'intervista il mese scorso.

Il pericolo mercato nero 

Già il mese scorso infatti era stato lanciato l'allarme sulla vendita del vaccino sul mercato nero. Segnalazioni erano arrivate soprattutto rispetto ad annunci presenti nel “dark web”. Con 100 euro era possibile acquistarne le dosi necessarie alla vaccinazione. Il pagamento doveva avvenire in bitcoin. La denuncia però lanciata da Caplan è adesso molto più circostanziata e si riferisce a favoritismi avvenuti all'interno del sistema legale che, per come è stato pensato, favorisce le differenze di classe. A questo poi si aggiunge il pericolo secondo cui i vaccini potrebbero arrivare dall'estero e venduti su mercati meno rigidi. “Il pericolo è che esiste un mercato già esistente per i farmaci non regolamentati - ha detto Michael Einhorn, presidente del fornitore medico Dealmed -. E il problema è che i prodotti verranno importati da paesi stranieri che potrebbero non avere regolamenti così rigidi come gli Stati Uniti - dove il prodotto può essere deviato, venduto da parte e importato negli Stati Uniti. Ci sono state segnalazioni di vaccini scadenti o falsificati già prodotti in India.

La pianificazione che avvantaggia i ricchi

Direi che gran parte della pianificazione della distribuzione negli Stati Uniti è stata fatta troppo tardi nel corso della giornata, e la mancanza di linee guida e chiari criteri di ammissibilità per la ricezione dei vaccini sono probabilmente la causa principale di molti dei problemi da affrontare negli Stati Uniti al momento. Successivamente questa mancanza di pianificazione darà luogo alle opportunità per le persone di saltare la fila e di sfruttare la loro posizione per ottenere vaccini prima degli altri” ha denunciato.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

“I ricchi potranno avere il vaccino prima. Pericolo mercato nero”

Today è in caricamento