Giovedì, 13 Maggio 2021
L'appello dell'epidemiologo

Le visite ad amici e parenti per gli auguri di Pasqua? "Il preludio di una tragedia"

Il commento di Pier Luigi Lopalco, assessore alla Sanità della regione Puglia, dopo l'ennesimo record di contagi registrato oggi

Pier Luigi Lopalco

Nuovo record di contagi oggi in Puglia, dove sono stati registrati 2.369 casi di positività all'infezione da Covid-19, su 13.293 tamponi (tasso di positività del 17,8%): 860 in provincia di Bari, 150 in provincia di Brindisi, 131 nella provincia BAT, 291 in provincia di Lecce, 374 in provincia di Taranto, 5 casi di residenti fuori regione, 4 casi di provincia di residenza non nota. Sono 562 i casi rilevati nella provincia di Foggia, il dato più alto registrato nel 2021, nonché il secondo in assoluto. Sono 36 i morti.

È la conferma che in Puglia l'emergenza epidemiologica è ancora nella sua fase acuta e non ancora in quella discendente. "La circolazione del virus in Puglia rimane alta. La pressione sul sistema sanitario è elevatissima. Ecco perché è importante rispettare le misure di sicurezza e prevenzione. Nonostante le norme limitino al minimo le possibilità di spostamento, è visibile a tutti che in giro c’è ancora troppa gente, in ogni luogo", fa presente l'assessore regionale alla Sanità Pier Luigi Lopalco.

Lopalco non nasconde la sua preoccupazione in vista delle festività pasquali, durante le quali l'intero Paese sarà in zona rossa, ma con la possibilità concessa dal governo di fare visita una volta al giorno ad amici e parenti: "Questo apre autostrade al virus, che vive di contatti. Le prossime festività pasquali saranno un altro tornante della pandemia. Si dovrà evitare di muoversi da casa, per non peggiorare la situazione".

"Evitiamo di affollare i luoghi pubblici, facciamo la spesa in orari non di punta, proteggiamo le persone non ancora immunizzate e evitiamo di farci gli auguri di Pasqua di persona", è l'appello dell'epidemiologo che conclude: "Una visita di cortesia per scambiarsi gli auguri può essere il preludio di una tragedia. Il virus cammina su chi si incontra, si saluta o si abbraccia e si propaga ad altissima velocità".

I controlli di Pasqua

L'Italia sarà blindata per Pasqua: nei giorni dal 3 al 5 aprile tutto il Paese è in zona rossa. Spostamenti off limits nelle località turistiche, tra divieti e ordinanze sullo stop ai movimenti verso le seconde case a seconda delle regioni. Il ministero dell'Interno ha annunciato controlli rigorosi: previsti in campo 70mila uomini delle forze dell'ordine. Fin qui le norme e le intenzioni sulla carta. Ma sulle strade i controlli ci sono davvero? Non proprio, secondo un casellante autostradale che lavora proprio in Puglia, tra Bari sud e Trani. Lo abbiamo raccontato qui.

I colori delle regioni dopo Pasqua nella nuova ordinanza di Speranza

Continua a leggere su Today.it

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Le visite ad amici e parenti per gli auguri di Pasqua? "Il preludio di una tragedia"

Today è in caricamento