Willy Monteiro, nessuno dovrebbe morire a 21 anni

Una vita spezzata sull'asfalto dalle botte del branco. La colpa? Aver difeso un amico e, forse, essere nero. Oggi, in Italia, nel 2020

Willy Monteiro

Morire a ventun anni è un'ingiustizia. Morire a ventun anni massacrato di botte dal branco per aver difeso un amico, è qualcosa che nessuno meriterebbe, forse neanche i carnefici di questa tragedia che ha strappato a due genitori un figlio, alla comunità di Paliano - il paese del frusinate in cui viveva - un "bravo ragazzo", alla squadra di calcio il suo fuoriclasse, a tutti un amico. Sì, perché oggi che non c'è più, Willy Monteiro Duarte è entrato nel cuore di tutti, ultima vittima innocente di una violenza imbevuta di sottocultura che in questo Paese non fa sconti a nessuno, in città come in provincia. 

Willy è rimasto senza vita sull'asfalto dopo una serata trascorsa con gli amici, preso a calci e pugni finché non aveva più respiro, implorando ai suoi aguzzini di fermarsi senza essere ascoltato. E' morto a Colleferro, un paese a non molti chilometri di distanza da Roma, con le industre che fanno da sfondo ai pochi locali della zona, ma il dolore per la sua giovane vita spezzata colpisce chiunque. E' un pugno nello stomaco come uno di quelli incassati da lui, che oggi riempie social e copertine con il suo sorriso grande. In una foto si sistema il colletto della sua camicia a quadri rossa, nell'altra ride accanto al compagno di banco dell'istituto alberghiero dove si è diplomato, a Fiuggi. 

La sua morte non resterà impunita. #giustiziaperWilly si chiede a gran voce sui social, mentre i 4 accusati sono in galera e gli inquirenti cercano di capire chi ha sferrato il calcio mortale, non che gli altri 3 siano meno colpevoli. E poi la solidarietà, tanta, a partire dall'hotel di Artena in cui Willy lavorava come aiuto cuoco, che ha messo in campo - insieme ai Comuni locali - una raccolta fondi destinata alla famiglia del ragazzo. E l'affetto, smisurato, che arriva da ogni parte. Attori, cantanti, volti noti, il mondo politico e dello sport. La gente. 

Note a margine di un dolore amaro e muto. Se stai leggendo, faccio un invito a te, soprattutto se sei più giovane di me: rivendica la possibilità di essere fragile. Rivendica la possibilità di essere timido. Impacciato. Tenero. Incerto. Dubbioso. Rivendica gli abbracci, chiedili quando ti mancano, quando ne hai bisogno. Dallo, quando vedi qualcuno come te. Permettiti di essere insicuro, titubante. Rivendica il diritto di essere debole, imperfetto, rivendica il diritto di avere delle mancanze, di piangere. Rivendica la gentilezza, il garbo, l’educazione, le buone maniere. Rivendica il diritto di frequentare la bellezza, non quella estetica, ma l’ideale della bellezza. Cerca e guarda la statua della Venere di Milo o quella di Samotracia. Domandati cos’è la bellezza per te. La grazia per te. La tenerezza per te. La gentilezza per te. L’equilibrio per te. Rivendica il diritto di poter vedere dei quadri, di leggere delle poesie, di leggere dei libri, troverai una sola cosa: la ricerca sull’essere umano. La ricerca di te stesso. Rivendica il diritto di lavorare per la tua passione, la tua, non quella che va più di moda. Rivendica il diritto di cercarla, di sbagliare mentre la cerchi. Sii gentile con te stesso, e con gli altri. Vai a cercare la parola compassione. Senti che effetto fa dentro di te. Domandati cos’è la forza per te, il coraggio per te, la resistenza per te, l’appartenenza per te. Guardati intorno, attorno a te, non sui social, ma nella realtà che ti circonda ogni giorno e rivendica il diritto di avere dei modelli, cerca il tuo. Siamo nati per conoscere noi stessi e, se possibile, migliorarci. E perdonaci se ti stiamo facendo crescere in un mondo così confuso e mediocre. C’è sempre una speranza, nonostante tutto. Quella speranza sei tu. Abbi cura di te.

Un post condiviso da Vinicio Marchioni (@vinicio_marchioni) in data:

Willy Monteiro, la rabbia e l'affetto sui social

Sui social corre il cordoglio, l'affetto, ma anche la rabbia per la morte di Willy. "E' diverso da noi - si legge in uno dei tanti tweet delle ultime 24 ore - Non per il colore della sua pelle. Willy è diverso da noi perché non è restato indifferente, non ha voltato le spalle a un'ingiustizia. Invece di imitare i 4 carnefici augurando loro la morte, imitiamo Willy difendendo i più deboli con coraggio". 

Un dolore "amaro e muto" commenta l'attore Vinicio Marchioni, autore della riflessione più profonda, dedicata ai coetanei di Willy: "Sii gentile con te stesso, e con gli altri. Vai a cercare la parola compassione. Senti che effetto fa dentro di te. Domandati cos'è la forza per te, il coraggio per te, la resistenza per te, l'appartenenza per te. Guardati intorno, attorno a te, non sui social, ma nella realtà che ti circonda ogni giorno e rivendica il diritto di avere dei modelli, cerca il tuo - si legge nel lungo post su Instagra - Siamo nati per conoscere noi stessi e, se possibile, migliorarci. E perdonaci se ti stiamo facendo crescere in un mondo così confuso e mediocre. C'è sempre una speranza, nonostante tutto. Quella speranza sei tu. Abbi cura di te". Lezione amara, ma bella. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Willy unisce, fa piangere, fa riflettere e (almeno per ora) non alza polemiche. Willy è il simbolo di un Paese che si ribella alla violenza e inizia a mostrarne i rigurgiti. Willy ce ne ha ricordato l'importanza e l'esigenza. A 21 anni. 

Willy Monteiro: un video accusa Gabriele e Marco Bianchi

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La prima giornata di Garko 'libero' è con Eva Grimaldi e Imma Battaglia (VIDEO)

  • Gabriel Garko rompe il silenzio dopo il coming out: "Camminerò con le mie gambe, ma non sui tacchi"

  • Gabriele Rossi scrive a Garko dopo il coming out. L'applauso dei vip, da Grimaldi a Monte

  • Estrazioni Lotto oggi e numeri SuperEnalotto di sabato 26 settembre 2020

  • Estrazioni Lotto oggi e numeri SuperEnalotto di martedì 29 settembre 2020: numeri e quote

  • Mascherina (di nuovo) obbligatoria all'aperto in Campania: l'ordinanza di De Luca

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
Today è in caricamento