Sabato, 24 Luglio 2021
Fuori dal tunnel

Zona bianca, le regioni che riaprono dal 21 giugno: Rt a 0,69, l'ordinanza di Speranza

Le prossime regioni a passare in zona bianca sono Sicilia, Marche, Toscana, Calabria, Basilicata, Campania e Bolzano. La Valle d'Aosta chiede una settimana "di sconto": dovrebbe aspettare il 28 giugno per la fascia con meno restrizioni, e potrebbe essere accontentata. In tutta Italia meno di 100mila casi attivi, per la prima volta dopo otto mesi. 15 regioni verdi sulla mappa Ue del rischio Covid

Italia tutta zona bianca, ci siamo. Dal 31 maggio erano entrate in zona bianca Sardegna, Friuli Venezia Giulia e Molise, il 7 giugno è stata la volta di Liguria, Veneto, Umbria e Abruzzo, il 14 giugno poi sono "andate in bianco" Lombardia, Lazio, Piemonte, Puglia, Emilia Romagna e Provincia di Trento. Ora l'apertura quasi totale. Il prossimo monitoraggio dell'ISS, quello di oggi 18 giugno 2021, sarà quello che sancirà la fine di un lungo tunnel. O meglio, a sancire la fine di quasi tutte le restrizioni saranno le ordinananze del ministro della Salute Roberto Speranza, attese tra oggi e domani, che saranno probabilmente in vigore da lunedì 21 giugno. 

Aggiornamento ore 17.25: Il Ministro della Salute Roberto Speranza, sulla base dei dati e delle indicazioni della cabina di regia, ha firmato una nuova ordinanza che andrà in vigore a partire dal 21 Giugno. Da lunedì Italia tutta in zona bianca tranne la valle d'Aosta che resta gialla. Anche Basilicata, Calabria, Campania, Marche, Toscana, Sicilia e Provincia autonoma di Bolzano, infatti, entrano in area bianca.

Il Green pass intanto è realtà. Il presidente del Consiglio Mario Draghi ha firmato il decreto che definisce le modalità di rilascio delle certificazioni digitali per viaggiare all’estero e tra regioni italiane in sicurezza.

L'Rt passa da 0,68 della scorsa settimana a 0,69

L'Rt passa da 0,68 della scorsa settimana a 0,69, un lievissimo aumento che secondo gli esperti della cabina di regia fa giudicare ancora stabile l'indice di trasmissibilita' delle infezioni da Covid in Italia. Continua invece netta la riduzione dell'incidenza, uno dei valori chiave per le decisioni sulle misure, che scende ancora a circa 16.7 casi ogni 100 mila abitanti aggiornato a ieri, rispetto a 25 di 7 giorni fa. Lo si legge nella bozza di monitoraggio Iss-Ministero della Salute, ora all'esame della cabina di regia.

Nessuna Regione o provincia automa supera la soglia critica di occupazione dei posti letto in terapia intensiva o in area medica. Il tasso di occupazione in terapia intensiva è 6%, sotto la soglia critica, con una diminuzione nel numero di persone ricoverate che passa da 688 (08/06/2021) a 504 (15/06/2021). Il tasso di occupazione in aree mediche a livello nazionale scende ulteriormente (6%). Il numero di persone ricoverate in queste aree passa da 4.685 (08/06/2021) a 3.333 (15/06/2021). Quattro Regioni, Friuli-Venezia Giulia, Molise, Puglia e Veneto, riportano una allerta di resilienza, nessuna riporta molteplici allerte.

Le regioni che passano in zona bianca: ordinanze di Speranza

A passare in zona bianca tra poco sono con ogni probabilità Sicilia, Marche, Toscana, Calabria, Basilicata, Campania e la provincia autonoma di Bolzano. La Valle d’Aosta dovrebbe aspettare il 28 giugno per poter raggiungere la fine delle misure restrittive, ma c'è chi assicura che anche la regione alpina passerà in bianco tra pochi giorni per decisione ministeriale (il governo regionale lo chiede a gran voce). Ampiamente sotto soglia di saturazione i posti letto in area medica e terapia intensiva occupati da pazienti Covid in tutto lo Stivale. Analizzando l'unico parametro che serve per entrare in zona bianca, ovvero l'incidenza settimanale sotto i 50 casi ogni 100mila abitanti per tre settimane consecutive, si nota come considerando la media mobile a 7 giorni tutte le regioni candidate al passaggio da zona gialla a zona bianca hanno assolutamente le carte in regola.

Il numero dei casi attivi in Italia è nuovamente sceso sotto quota 100mila, per la prima volta dal 15 ottobre 2020, quando eravamo nella fase di crescita della seconda ondata.

 "Si riunirà oggi la Cabina di regia e alla fine dei lavori sarò chiamato a firmare delle ordinanze. In base ai dati che vediamo, sono ordinanze che ci fanno fare un altro passo in avanti. La previsione è che il 99% dell'Italia arrivi in zona bianca. Questo è sicuramente un dato incoraggiante, un risultato figlio di una campagna di vaccinazione che sta conseguendo risultati molto importanti. Solo ieri sono state somministrate oltre 570.000 dosi, e questo è un risultato molto rilevante" ha detto il ministro della Salute Roberto Speranza.

Le regole da rispettare in zona bianca

C'è sempre l'obbligo della mascherina sia all'aperto sia al chiuso e il divieto di assembramento. All'aperto le mascherine hanno comunque i giorni contati. Il 21 giugno è il giorno in cui si eliminerà definitivamente il coprifuoco. Inizia l'estate, ma forse non finise l'emergenza. Lo Stato di emergenza dovrebbe essere prorogato per l'ennesima volta. Nemmeno per le vacanze in Sardegna serve più alcuna registrazione. Insomma, l'Italia riapre. Nei ristoranti nessun limite alle presenze al tavolo all'aperto, 6 commensali al tavolo se il locale è al chiuso. I locali pubblici potranno osservare orari liberi.  Non ci sono, inoltre, limitazioni agli spostamenti e riaprono tutte le attività la cui apertura non era ancora prevista. Ripartenza anche per le discoteche, ma solamente per i servizi di bar e ristorante: non si può ancora ballare in pista. In zona bianca si possono visitare amici e parenti senza limiti nel numero di persone che si spostano. In zona gialla il limite è sempre invece di quattro persone oltre ai figli minorenni o persone con disabilità.

Spostamenti in automobile in zona bianca 

Certo, si può usare l'automobile con persone non conviventi in zona bianca, basta che siano rispettate le stesse misure di precauzione previste per il trasporto non di linea: ossia con la presenza del solo guidatore nella parte anteriore della vettura e di due passeggeri al massimo per ciascuna ulteriore fila di sedili posteriori, con obbligo per tutti i passeggeri di indossare la mascherina. 

La mappa Ue: Italia quasi tutta verde

La mappa europea del rischio Covid, che classifica le zone a maggiore o minore pericolo di diffusione del coronavirus. L’Italia è tutta in verde, fatta eccezione per Calabria, Sicilia, Campania e Basilicata. Ieri l’Ecdc, centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie, ha pubblicato una nuova mappa delle fasce in cui sono state collocate le regioni italiane. Nel pomeriggio, sul sito di Ecdc era stata pubblicata una mappa dalla quale risultavano in zona verde Molise, Sardegna e Liguria. In serata, il centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie ha pubblicato una nuova mappa dalla quale emerge che sono in zona verde: Lombardia, Piemonte, Veneto, Trentino Alto Adige, Friuli Venezia Giulia, Emilia Romagna, Toscana, Abruzzo, Marche, Lazio, Umbria e Puglia. Rimangono Campania, Calabria, Sicilia, Basilicata e Valle d’Aosta.

La situazione continua a migliorare in tutta l'Ue, con Germania settentrionale, Romania, Polonia e Finlandia di colore verde. La Spagna centrale e meridionale e tutta l'Olanda restano in rosso. Nessuna area in Europa è classificata ad alta incidenza (rosso scuro). In zona 'green' si entra con un tasso di nuovi contagi negli ultimi 14 giorni inferiore a 50 casi ogni 100 mila abitanti, accompagnato da un tasso di positività ai test inferiore al 4% o un numero di nuovi casi nelle ultime due settimane inferiore a 75 contagi ogni 100 mila abitanti accompagnato da un tasso di positività ai test inferiore all'1%.

map-4

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Zona bianca, le regioni che riaprono dal 21 giugno: Rt a 0,69, l'ordinanza di Speranza

Today è in caricamento