rotate-mobile
Venerdì, 19 Aprile 2024
Alimentazione

Risparmio energetico in cucina, ecco come ridurre gli sprechi

Con il caro bollette limitare il consumo di gas in cucina può comportare un risparmio non indifferente: ecco i consigli per cucinare riducendo gli sprechi e l’impatto ambientale

L’analisi dei costi della spesa in cucina è un’attività a cui chef e ristoratori si dedicano quotidianamente, ma che a causa del caro-bollette interessa sempre più anche la gestione delle cucine casalinghe. Se infatti fino a qualche tempo fa le utenze domestiche non erano incluse nel calcolo del costo della spesa alimentare, oggi queste voci sono considerate sempre più rilevanti nel determinare il “food cost” di ogni pasto, che a parità di ingredienti, dipende della quantità e dal prezzo (in costante aumento) delle materie prime energetiche necessarie per cucinarlo. Cosa possiamo fare, dunque, per limitare al massimo il consumo di gas?

Risparmiare in cucina, mettendo “a dieta” i fornelli, è possibile. A partire dai metodi di cottura, esistono tanti piccoli accorgimenti che gravano meno sul portafoglio alle prese con il caro bollette. Ecco i consigli di ANCIT (Associazione Nazionale Conservieri Ittici e delle Tonnare) per imparare a gestire fornelli, pentole, metodi di cottura e forno, riducendo gli sprechi e l’impatto ambientale, con un conseguente risparmio. 

Il caro bollette non è più un problema con le lavasciuga e asciugatrici Electrolux

1. Scegliere i fornelli giusti

Per una maggiore efficienza energetica, al giorno d'oggi quello ad induzione è il piano più efficiente con meno dispersioni: ha un'efficienza energetica del 90% contro il 50% di quella dei fornelli a gas. Nell'induzione, sotto il piano in vetroceramica sono posizionate alcune speciali bobine che generano un campo magnetico che si trasferisce a pentole e padelle a cui arriva direttamente il calore. Viene inoltre garantita più velocità nella cottura: se con la cucina a gas per far bollire un litro d'acqua si impiegano 7 minuti, con l'induzione ce ne vogliono solo 3. 

Piano cottura ad induzione, per cucinare risparmiando tempo e costi in bolletta
 

2.Utilizzare sempre il coperchio

È un gesto fondamentale per evitare la dispersione del calore in cottura: si risparmia gas, i cibi cuociono più velocemente e l'acqua per la pasta bolle in minor tempo. Ma non è il solo accorgimento: anche scegliere un recipiente di misura adatta e non eccessiva rispetto alla quantità di alimento che si vuole cucinare, assicurandosi che la fiamma insista sullo specchio inferiore senza fuoriuscire, tornerà utile. 

3.Scegliere la giusta pentola

Quella a pressione dimezza i tempi di cottura e quindi anche il consumo di energia. Anche le pentole di rame, ideali per quei cibi che richiedono una cottura media, permettono un considerevole risparmio energetico per via dell'ottima conduttività del calore e della resistenza agli sbalzi termici. Le dimensioni devono essere proporzionate alla grandezza del fornello o della piastra elettrica in modo che la fiamma, e quindi il calore, sia concentrata al di sotto della padella. 

4.Cucinare alimenti che siano a temperatura ambiente

Avviare la cottura di alimenti preferibilmente a temperatura ambiente permette di evitare il consumo di gas che servirebbe per scaldarli dalla temperatura del frigo, generalmente 4°C. Bollire la pasta in una quantità sovrabbondante di acqua non serve, oltre a sprecare un’altra preziosa riserva, richiederà più energia per la cottura. 

Frigoriferi: i modelli migliori per capienza e risparmio energetico

5. Idratare i cibi prima della cottura

Prolungare il tempo di ammollo dei legumi secchi consente di ridurre la successiva bollitura, così come idratare prima della cottura il riso o alcuni cereali, specialmente quelli integrali, riduce il tempo necessario alla loro cottura, con un risparmio non indifferente. 

6. Ottimizzare l’uso del forno

È uno degli elettrodomestici più costosi a livello energetico: circa 2 kWh l'ora di cottura. È consigliabile cuocere più pietanze contemporaneamente. Inoltre, i forni mantengono la temperatura anche nei 20 minuti successivi allo spegnimento: per questo è possibile spegnerli in anticipo e sfruttare il calore residuo per terminare la cottura (questo vale anche con le pentole tradizionali per cucinare zuppe e risotti, purché rimangano coperti dopo aver spento il fornello). Infine: non aprire il forno mentre il cibo sta cuocendo poiché si disperde il 20% del calore ogni volta.

Forni elettrici a incasso per cucinare in modo smart e veloce

7. Riscaldare gli avanzi

Se vogliamo consumare gli avanzi di cibo conservati nel frigorifero, meglio tirarli fuori almeno un'ora prima. In questo modo non saranno eccessivamente freddi quando verranno riscaldati e potremo risparmiare un po' di energia. Se nel frattempo stiamo cucinando qualcos'altro, potremmo poggiare il piatto con il cibo da riscaldare sopra la pentola che sta già sul fornello, evitando quindi di usare il microonde o di accendere un altro fuoco.

8. Quando possibile, ricorrere alla cottura a vapore o alla vasocottura

Attuabile anche nel microonde, in cestelli sovrapposti, la cottura a vapore aiuta a ridurre i consumi e cucinare pietanze salutari. Bisogna solo posizionare gli alimenti che richiedono tempi più lunghi nello strato inferiore e via via, salendo, quelli che necessitano di tempi o temperature inferiori. 

Altro sistema è la vasocottura, che prevede l’inserimento di tutti gli ingredienti crudi in un barattolo, compresi condimenti in piccole quantità, e la successiva immersione in acqua calda per la cottura. Si può, ad esempio, sfruttare il ciclo di lavaggio della lavastoviglie, assicurandosi che le temperature raggiunte siano idonee alla corretta preparazione delle ricette scelte.

I forni a microonde per cucinare in modo sano e veloce

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Risparmio energetico in cucina, ecco come ridurre gli sprechi

Today è in caricamento