Sabato, 6 Marzo 2021

Dimagrire con la dieta dell'acqua: come funziona

Il dottor Sorrentino pone l’acqua al centro della sua proposta alimentare, abbinandola alla tradizionale dieta mediterranea. Secondo l'esperto, con la dieta dell'acqua è possibile perdere peso in soli 30 giorni, basta evitare fritti e dolci e fare un po' di movimento

Foto d'archivio

Conosciamo bene i benefici che l'acqua apporta al nostro organismo, un elemento fondamentale per la digestione, utile per regolare il volume cellulare e la temperatura corporea, elimina le scorie metaboliche, trasporta i nutrienti, rende più elastica la pelle eliminando tossine e batteri, rafforza i muscoli, fa perdere peso, depura il corpo e tanto altro ancora.

In qualità di specialista in idrologia e dietologia, il dottor Sorrentino pone l’acqua al centro della sua proposta alimentare, abbinandola alla tradizionale dieta mediterranea. Con la dieta dell'acqua in soli 30 giorni il dottore assicura una costante e sostanziale perdita di peso, basta evitare fritti e dolci e fare un po' di movimento.

Quanta acqua bisogna bere al giorno?

Dire che bisogna bere tanto e con regolarità sembra scontato e banale, in realtà non esiste una risposta unica per tutti, essa dipende da corpo a corpo. In genere, il quantitativo di acqua che richiede l’organismo dipende da diversi fattori quali:

  • peso corporeo: con l’aumentare del peso aumenta il fabbisogno di acqua.
  • Stile di vita: chi pratica sport deve bere molta più acqua rispetto a chi conduce una vita sedentaria.
  • Traspirazione della pelle: chi suda molto deve bere di più.

I sintomi più comuni della disidratazione sono una pelle poco elastica, debolezza, crampi muscolari e mal di testa.

Benefici acqua

Il consumo di acqua aumenta il senso si sazietà, perché riduce lo stimolo della fame. Inoltre, un corpo poco idratato, tende a metabolizzare i grassi, quindi, se desiderate dimagrire, è il caso di mantenere l’organismo ben idratato. Inoltre bere purifica il corpo, aiutando ad espellere prima i materiali di scarto e le tossine. Anche il mal di testa è a volte legato alla disidratazione, quindi bere la giusta quantità di acqua può migliorare la situazione. Inoltre, bere tanta acqua permette di essere più concentrati, anche il cervello infatti necessita di essere idratato.

Un sistema muscolare ben idratato è più efficiente, perché l’acqua aumenta l’elasticità e la tonicità dei muscoli; aiuta a smaltire il cortisolo, il cosiddetto ormone dello stress che, quando in eccesso, indebolisce i muscoli; mantiene le articolazioni lubrificate e agevola, così, l’azione muscolare. Inoltre, una buona idratazione previene anche i crampi muscolari.

La dieta dell’acqua

Come spiega nel dettaglio nel suo libro "Acqua da mangiare", Sorrentino sostiene che non è importante bere acqua naturale o frizzante, piuttosto, per chi vuole perdere peso, è fondamentale che questa sia leggermente fredda. La temperatura ideale è sui 10/12°, perché proprio la differenza di temperatura fra l’acqua e il nostro corpo fa sì che si attivi la termogenesi, un meccanismo che fa consumare calorie come se sottoposti ad uno sforzo fisico. Bisognerebbe quindi assumere l’acqua a digiuno e preferibilmente prima dei pasti per massimizzare questo effetto.

Le regole generali della dieta dell’acqua non sono molto rigide ed includono legumi, carne, pesce e verdure. Anche gli spuntini sono sostanziosi dal punto di vista nutrizionale ed energetico: frutta secca in quantità diverse a seconda del tipo scelto.

Il programma prevede anche la pasta, purché condita in modo semplice. Centrale è poi l’importanza dell'idratazione quotidiana: otto bicchieri d’acqua al giorno, distribuiti nell’arco della prima parte della giornata. Due al mattino appena svegli, due prima dei pasti, uno a metà mattina e uno a metà pomeriggio.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dimagrire con la dieta dell'acqua: come funziona

Today è in caricamento