Martedì, 2 Marzo 2021

Come alleviare i sintomi dell'artrite con la dieta: cosa suggeriscono gli esperti

L'artrite è un'infiammazione delle articolazioni che colpisce diverse persone. La ricerca scientifica suggerisce che una dieta poco infiammatoria può alleviarne i sintomi. Scopriamo perché

Foto d'archivio

L'artrite è un'infiammazione delle articolazioni che colpisce diverse persone. Può interessare una o più articolazioni e può essere acuta o cronica. Esistono molti tipi di artrite, la più nota è l'artrite reumatoide. I sintomi più comuni sono: dolore, gonfiore articolare. Spesso, ma non necessariamente, è possibile riscontrare un arrossamento della cute e rigidità articolare. Inoltre, può essere presente febbre, talvolta con brividi.

A causa dei bassi effetti infiammatori, si ipotizza che la dieta possa essere utile nel fornire sollievo dai sintomi per i pazienti con artrite. La ricerca scientifica suggerisce infatti che una dieta poco infiammatoria può alleviare i sintomi artritici. Non è chiaro; tuttavia, se il sollievo dai sintomi dipenda dai cambiamenti del peso, nell’infiammazione, a variazioni del tessuto adiposo o alla qualità o al tipo di intervento dietetico.

La dieta antinfiammatoria

Come leggiamo su un articolo di medicomunicare.it a cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, specialista in Biochimica Clinica, il regime alimentare previsto per alleviare questi sintomi è la dieta antinfiammatoria che si basa essenzialmente sui principi della dieta Mediterranea. Sono quindi fondamentali i cibi ad alto contenuto di antiossidanti, polifenoli, carotenoidi, acidi grassi omega-3, cibi a basso indice glicemico. Inoltre, questa dieta favorisce l’utilizzo dell’olio extravergine di oliva come principale fonte di grassi. In questo regime alimentare è consigliata la riduzione o la minimizzazione dei carboidrati raffinati, fast food, cibi ricchi di grassi trans e saturi, bevande alcoliche, bevande zuccherate e carni lavorate.

Una dieta a basso contenuto infiammatorio è associata a una maggiore perdita di peso, minore infiammazione, migliori misure di funzione fisica e dolore articolare ridotto. Analizzando tale approccio e valutando le dimensioni degli effetti in periodi diversi, gli esperti hanno scoperto che i cambiamenti nei risultati sono stati trovati già 2-4 mesi dopo l’inizio dell’intervento.

I miglioramenti

Per i pazienti con artrite reumatoide, il miglioramento del dolore e le misure della funzione fisica erano maggiori con quelli che seguivano una dieta a basso contenuto infiammatorio. La durata varia degli interventi è stata utilizzata per valutare il potenziale effetto dose-risposta. Come indicato nei risultati, i punteggi delle modifiche sono stati estratti per tre periodi di tempo; tuttavia, la maggior parte dei dati è stata applicata al periodo di 2-4 mesi. Confrontando i risultati della meta-analisi di 0-2 mesi e 2-4 mesi, i dati suggeriscono che il cambiamento nei risultati era evidente dopo 2 mesi di intervento.

Stile di vita

Dalla metanalisi non è stato possibile dedurre lo stato di fumatore dei pazienti, ma tutti i reumatologi avvisano e consigliano a chi è affetto da artrite reumatoide di ridurre notevolmente, se non, smettere di fumare. Ed è provato che l’abolizione del fumo migliora notevolmente la patologia, soprattutto nelle donne. La raccomandazione è dunque quella di adottare uno stile di vita più sano possibile, a base di cibo naturale, mantenendo un costante peso corporeo e limitando sigaretta ed alcolici. Se l'intenzione è quella di iniziare una dieta dedicata, il consiglio è quello di consultare un medico specialista.

Dieta antinfiammatoria: quali cibi prediligere e quali evitare

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Come alleviare i sintomi dell'artrite con la dieta: cosa suggeriscono gli esperti

Today è in caricamento