Dieta, i frutti di mare sono sempre ammessi? Risponde la nutrizionista

Ricchi di proteine e con poche calorie, l’importante è non abusarne e cucinarli nella maniera corretta

Si possono mangiare i frutti di mare se si è a dieta? Quando è consigliato consumarli e in quali quantità? Napoli Today lo ha chiesto alla biologa nutrizionista, Ester Brucci che ha fatto chiarezza sulle proprietà dei molluschi molto ricchi in proteine e con poche calorie. L’importante è non abusarne e cucinarli nella maniera corretta.

Dott.ssa, quali sono le proprietà e i valori nutrizionali dei frutti di mare?

“C’è una distinzione da fare tra molluschi e crostacei. I molluschi contengono una porzione lipidica estremamente ridotta e costituita prevalentemente da acidi grassi polinsaturi. Apportano contengono buone quantità vitaminiche di cobalamina e, in maniera variabile, altre vitamine del complesso B. Si distinguono anche per un apporto significativo di ferro, di iodio, zinco e selenio. I crostacei, invece, vantano un contenuto lipidico caratterizzato dalla prevalenza di acidi grassi essenziali omega 3, rispetto agli omega 6, i quali hanno proprietà antinfiammatorie, antitrombotiche ed aumento dei livelli di HDL. Presentano, inoltre, un eccessivo apporto di sodio. La caratteristica di tutti loro è lo scarso apporto calorico, che li rende adatti anche nei piani dietetici ipocalorici”.

E’ vero che lo iodo, in essi contenuto, aiuta a dimagrire?

“Lo iodio collabora al buon funzionamento della tiroide, la quale, a sua volta, è responsabile dello stato fisico di un individuo”.

Possono essere, quindi, inseriti nella dieta?

“I frutti di mare possono essere inseriti nella dieta, tenendo conto, però, delle caratteristiche fisiologiche dell’individuo e della modalità di cottura con cui vengono preparati”.

Sono tutti ammessi?

“In un soggetto normopeso e in assenza di patologie metaboliche, sono tutti ammessi. Occhio, però, alla quantità e la frequenza con cui vengono consumati”.

Quando è sconsigliato consumarli?

“I frutti di mare sono altamente allergizzanti perché ricchi di istamina. Per questo sono sconsigliati durante l’allattamento al seno. Di conseguenza, possono essere introdotti nell’alimentazione dei bambini solo dopo i primi tre anni. Inoltre, poiché presentano un alto contenuto di sodio, sono poco adatti a coloro che presentano pressione alta e alle donne in gravidanza. Per chi soffre di ipertiroidismo l’alto contenuto di iodio li rende inadatti ad essere consumati. In più, se consumati crudi, c’è il rischio di imbattersi in qualche infezione virale o batterica da salmonella, stafilococchi ed escherichia coli”.

Continua a leggere la notizia su Napoli Today

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Chiede il reddito di cittadinanza, ma si "dimentica" di avere un albergo da 800mila euro

  • In arrivo 55mila lettere dall'Agenzia delle Entrate

  • Medico muore durante il turno di notte: aveva 28 anni

  • Bonus tv e decoder, ora è ufficiale: chi deve cambiare il televisore

  • Jacqueline, figlia di Heather Parisi: "Perché non chiedete dove sono le altre due figlie?"

  • Estrazioni Lotto oggi e numeri SuperEnalotto di sabato 16 novembre 2019

Torna su
Today è in caricamento