Martedì, 13 Aprile 2021

Dieta iposodica: gli alimenti poveri di sale per migliorare fisico e salute

La dieta iposodica prevede l'uso di cibi iposodici, ossia tutti quegli alimenti indicati per una dieta povera di sale. Essa aiuta a combattere ipertensione, colesterolo alto, sovrappeso e obesità. Ecco cosa mangiare e cosa evitare

Foto d'archivio

L'importanza del sodio nella dieta per la regolazione della pressione sanguigna è un tema che è stato ampiamente affrontato nella storia. Il sale fa sicuramente bene al nostro organismo in quanto contribuisce al buon funzionamento dei nervi ed ha effetti positivi nell’equilibrio dei fluidi, tuttavia, non bisogna eccedere con il suo consumo. Molti studi hanno dimostrato l'associazione del consumo di sodio con l’ipertensione e il rischio di malattie cardiovascolari. Infatti, l’Organizzazione Mondiale della Sanità (Oms) raccomanda un'assunzione di sodio inferiore a 2 g al giorno proprio per ridurre la pressione arteriosa e il rischio di cardiopatie. Ogni grammo di sale contiene circa 0,4 g di sodio.

Come leggiamo anche sul sito del Ministero della Salute, un consumo eccessivo di sale ha effetti negativi per il nostro organismo: determina un aumento della pressione arteriosa con conseguente aumento del rischio di insorgenza di gravi patologie cardio-cerebrovascolari correlate all'ipertensione arteriosa, quali infarto del miocardio e ictus cerebrale.

Gli italiani hanno ridotto il consumo di sale: l'indagine

Una dieta povera di sale dunque, non avrà solo effetti benefici sulla nostra salute, ma ci aiuterà anche a dimagrire e a drenare i liquidi in eccesso. La dieta iposodica prevede l'uso di cibi iposodici, ossia tutti quegli alimenti indicati per una dieta povera di sale. Essa aiuta a combattere ipertensione, colesterolo alto, sovrappeso e obesità. Ecco cosa mangiare e cosa evitare.

La dieta iposodica

Nella dieta iposodica vanno eliminati o ridotti tutti gli alimenti ricchi di sodio, a favore di cibi naturalmente poveri di sale. Ecco una lista di questi alimenti:

  • carboidrati integrali;
  • pesce (nasello, merluzzo, trota, orata);
  • frutta e verdura;
  • carne (pollo, vitello, tacchino);
  • formaggi freschi non stagionati (ricotta, mozzarella);
  • latte scremato;
  • yogurt magro;
  • cereali (frumento, orzo, avena);
  • olio extravergine di oliva, erbe aromatiche, aceto, succo di limone e spezie.

Ecco, invece, cosa evitare nella dieta iposodica:

  • eliminare/ridurre il sale da cucina e sostituirlo con altre spezie, erbe aromatiche e scorza di agrume;
  • eliminare o ridurre gli alimenti conservati (insaccati, formaggi stagionati, cibi precotti, cibi in latta come il tonno, la carne in gelatina e i legumi precotti);
  • eliminare gli snack salati confezionati;
  • evitare troppi alimenti glucidici come farinacei, marmellate e conserve, frutta sciroppata;
  • abolire le carni grasse;
  • abolire grassi saturi o idrogenati;
  • abolire gli alcolici;
  • evitare i fritti;
  • evitare salsa di soia, ketchup e maionese.

Piccolo consiglio: utilizzare aromi o spezie leggermente piccanti aiuterà a minimizzare gli effetti del "poco sapido" sul vostro palato.

Continua a leggere su Today.it

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dieta iposodica: gli alimenti poveri di sale per migliorare fisico e salute

Today è in caricamento