Giovedì, 24 Giugno 2021
Alimentazione

La pasta non fa ingrassare! Ecco 10 ragioni per cui conviene mangiarla

Spesso estromessa dai regimi alimentari ipocalorici, questo alimento è una fonte inestimabile di vantaggi per la salute

La pasta, regina incontrastata della tradizione culinaria mediterranea, reagisce alle accuse infondate sulla presunta colpa di favorire il sovrappeso con le sue stesse virtù nutrizionali e organolettiche, che la inseriscono di diritto in qualsiasi regime alimentare, anche quand’è volto al dimagrimento.

Ecco, allora, 10 buoni motivi per non rinunciare mai al piacere di saziarsi con un bel piatto di spaghetti: 

1- Apporto energetico. Cento grammi di pasta di semola di grano duro forniscono circa 360 kcal, di cui circa il 72% sotto forma di carboidrati complessi, il 12% come proteine e un contenuto in grassi quasi trascurabile. Se consumata con un condimento semplice (pomodoro, ortaggi e formaggio grattugiato) e un filo di olio extravergine di oliva, una porzione di 80 g di pasta asciutta non fornisce più di 400 kcal.

2- Potere saziante. È preziosa alleata nei regimi ipocalorici, perché garantisce un grande senso di sazietà e dà quella sferzata di energia indispensabile per le attività di ogni giorno. La pasta contiene fibre e carboidrati, tra cui l’amido che, una volta digerito, viene assorbito come zucchero semplice (glucosio) e inviato alle cellule, procedimento che, richiedendo molto tempo, tiene a bada la fame a lungo.

3- Facilmente digeribile: è il migliore carburante da bruciare per ottenere energia perché richiede meno ossigeno rispetto ai grassi. È indispensabile alleato per chiunque svolga non solo attività mentale ma anche attività fisica.

4- Basso indice glicemico. Favorisce il lento assorbimento del glucosio e una maggiore efficienza di tutto l’organismo alla ripresa delle attività.

5- Livello di trigliceridi nel sangue tenuto sotto controllo. Ricca di vitamine del gruppo B e di ferro, contiene di per sé poco sodio e non ha colesterolo. Inoltre, chi consuma regolarmente la pasta ha un livello più basso di trigliceridi nel sangue (- 19%, in media) rispetto a chi la trascura. La bassa percentuale di trigliceridi nel sangue è sinonimo di prevenzione per i rischi di patologie alle arterie e alle coronarie e i disturbi cardiaci.

6- Migliora l’umore. Grazie al glucosio che si libera dall’amido della pasta, viene favorita indirettamente la sintesi a livello cerebrale della serotonina, l’ormone della gioia.

7- Aiuta a prevenire l’Alzheimer. Recenti studi presso prestigiose università italiane e americane hanno dimostrato che chi si alimenta regolarmente seguendo i principi della dieta mediterranea (in cui la pasta ha un ruolo fondamentale) corre un minor rischio, circa il 40% in meno, di contrarre lAlzheimer rispetto a chi mangia pochi carboidrati. Un’alimentazione povera di grassi animali, infatti, previene in maniera eccellente l’arteriosclerosi e la demenza senile. 

8- Fonte di nutrimento completo. La pasta abbinata ai legumi costituisce il piatto unico per antonomasia, dove le proteine dei cereali si completano con quelle delle leguminose per arrivare ad un valore biologico paragonabile agli alimenti di origine animale.

9- Salute e prevenzione. Quella che proviene dai carboidrati è energia pulita che non sottopone reni e fegato ad un superlavoro. Altri tipi di diete, come ad esempio quelle iperproteiche ricche di alimenti di origine animale, specialmente se protratte per lungo tempo, determinano un aumento del colesterolo, basti pensare che nelle insufficienze renali la prima cosa che deve essere ridotta nella dieta sono le proteine, proprio per salvaguardare la funzionalità renale e ridurre le alterazioni metaboliche.

10- È fonte di fibre. Chi mangia regolarmente la pasta si garantisce anche un plus del 6% di fibra rispetto a chi non la mangia, cosa che contribuisce a ridurre i rischi di alcune forme tumorali e i disturbi cardiovascolari.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La pasta non fa ingrassare! Ecco 10 ragioni per cui conviene mangiarla

Today è in caricamento