rotate-mobile
Domenica, 5 Febbraio 2023
Alimentazione

Primavera, come combattere la stanchezza

Movimento, idratazione e alimentazione: bisogna fare attenzione a questi tre elementi per affrontare al meglio la stagione primaverile

Movimento, idratazione e alimentazione sono le parole chiave per affrontare al meglio il periodo primaverile. Nonostante l'entusiasmo per l'arrivo del bel tempo, la primavera è però una stagione delicata per il fisico che può risentire di un po' di stanchezza. Bisogna quindi essere pronti ad affrontare questo periodo con energia e prepararsi a depurare il corpo dalle tossine e dagli eccessi invernali. 

Unire sport e movimento all'aria aperta a una cura dell'alimentazione e dell'idratazione sono i consigli degli esperti. "L'assunzione della giusta quantità di carboidrati, di proteine salutari e l'apporto di grassi 'buoni' sono accorgimenti necessari per rigenerare l'organismo. Senza dimenticare il contributo indispensabile di frutta e verdura, ricche di proprietà benefiche", dichiara Annamaria Acquaviva, dietista nutrizionista per il California Prune Board in Italia. 

"Un ruolo di particolare importanza - spiega ancora - è giocato dalle fibre che contribuiscono in modo rilevante alla disintossicazione del corpo, ripulendoci dalle tossine e dalle scorie prodotte dall'organismo". Naturalmente prive di grassi, di sodio e di zuccheri aggiunti, le prugne della California sono un alimento dall'elevato potere salutistico: hanno, infatti, un alto contenuto di vitamina K e di potassio e sono una fonte di vitamina B6, di rame e di manganese, che conferiscono loro benefiche proprietà. Studi scientifici condotti su donne in menopausa evidenziano il contributo delle prugne della California sulla salute delle ossa: una semplice porzione quotidiana di prugne disidratate può essere utile per la salute, rallentando la perdita di massa ossea. Infatti, l'alto contenuto di vitamina K e la presenza di manganese supportano il mantenimento delle ossa, mentre il potassio contenuto in quantità rilevante è indispensabile per la normale funzione muscolare

"Le prugne disidratate hanno un basso indice glicemico (IG) di 29 , grazie sia alla presenza di fibre e sia soprattutto alla composizione dei loro glucidi, fornendo un'energia facilmente disponibile e di graduale assimilazione. Il sorbitolo, dolcificante meno calorico del saccarosio (lo zucchero comune) e naturalmente presente nelle prugne, viene degradato senza l'intervento dell'insulina e viene assorbito in modo incompleto dall’intestino, dove combatte la stipsi se assunto ad alte dosi", spiega Annamaria Acquaviva.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Primavera, come combattere la stanchezza

Today è in caricamento