Lunedì, 21 Giugno 2021
Alimentazione

Il sale nella dieta: ecco come sostituirlo senza rinunciare al gusto

Spesso accusato di essere uno dei fattori responsabili di svariate malattie, l'insaporitore dei cibi per eccellenza può essere validamente sostituito con ingredienti altrettanto gustosi e decisamente più sani

Principe dei sapori ed esaltatore del gusto, il sale viene spesso demonizzato come acerrimo nemico della salute dopo che è stata in più occasioni dimostrata la pericolosa correlazione tra il consumo eccessivo e l’insorgenza di patologie croniche e degenerative.

Troppo spesso, infatti, se ne fa un uso smodato, considerando che oltre a mangiare molti cibi già salati e all'apparenza insospettabili come fette biscottate, cereali, merendine, si aggiungono ulteriori dosi ai pasti insipidi, motivo per cui a fine giornata il carico si fa davvero eccessivo. 

Inutile negare che i cibi senza sale lasciano insoddisfatti e riducono il piacere del pasto, ma si potranno comunque attuare alcuni accorgimenti che permettono di ottenere dei cibi ugualmente buoni. 

Con la cipolla, ad esempio, dal sapore pungente e dolce allo stesso tempo, non si altera la piacevolezza del gusto in dosi moderate e anche il pepe, il peperoncino e il limone possono contribuire ad insaporire le pietanze, mentre la verdura cruda si potrà consumare condita con poco olio ed aceto oppure dell'olio e del succo di limone e lo stesso discorso vale per quella cotta. 

Le erbe aromatiche e le spezie, inoltre, hanno proprietà bruciagrassi: ad esempio, il comune zafferano è in grado di accelerare il metabolismo, così pure il pepe nero che grazie al suo principio attivo, la piperina, stimola la termogenesi. Anche il peperoncino è un eccezionale bruciagrassi, ma non solo, svolge anche un’azione calmante sull’appetito, mentre l’origano è ottimo contro la cellulite e il cumino stimola la circolazione sanguigna, rallentata quando la ritenzione idrica dovuta proprio al sale prelude alla tanta odiata cellulite.  

Insomma, di alternative al sale ce ne sono davvero molte, basta saper scegliere, e non è un caso, del resto, che l’OMS (l’Organizzazione Mondiale della Sanità), nelle linee guida abbia ridotto ulteriormente la quantità di sale giornaliera raccomandata che per gli adulti si assesta intorno ai 5 grammi.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il sale nella dieta: ecco come sostituirlo senza rinunciare al gusto

Today è in caricamento