Sabato, 10 Aprile 2021

Bava di lumaca e linfa di vite, l'agricosmetica sbarca a Expo

Il padiglione Coldiretti ospita il primo salone di agribeauty, prodotti di bellezza direttamente dalla fattoria

Dalla crema antietà alla bava di lumaca a quella per il corpo alla linfa di vite, dallo scrub allo spumante o ai vinaccioli al bagnoschiuma al latte d'asina, dal gel di uva biologica fino alla crema viso alla ciliegia. Sono alcuni esempi degli agricosmetici esposti nel primo salone dell'agribeauty contadino aperto nel Padiglione della Coldiretti a Expo 2015.

"Prodotti facilmente reperibili nelle fattorie e nei mercati di Campagna Amica - sottolinea l'associazione - sparsi su tutto il territorio nazionale e in molti agriturismi di Terranostra che dedicano parte della loro attività al benessere. Prodotti naturali preferiti a quelli realizzati industrialmente dal 71% degli italiani, almeno stando a un'indagine Ipr marketing resa nota in occasione dell'inaugurazione del salone. L'agribeauty contadino - sottolinea la Coldiretti - è un esempio delle nuove opportunità che offre l'agricoltura italiana, con iniziative imprenditoriali innovative che vedono spesso protagonisti donne e giovani e che permettono alle aziende di diversificare la propria attività".

"Le novità in questo campo sono tantissime - sottolinea ancora la Coldiretti - si va dai cosmetici alla bava di lumaca che grazie alle sue proprietà idratanti, lenitive e rigeneranti risultano tra i migliori per la cura e la rigenerazione della pelle, a quelli alla linfa di vite che ha uno strepitoso potere energizzante ed è ricca di preziosi principi attivi. Eccellente anche la linea cosmetica allo spumante, unica grazie all'effervescenza delle sue bollicine che vengono trasferite sulla pelle ossigenandola a lungo. Preziosi alleati della bellezza sono anche gli agricosmetici al latte d'asina, usato fin dall'antichità per il suo alto potere antiossidante e che oggi è utilizzato in molti cosmetici, dalla crema liftante allo scrub detergente, dal sapone effervescente, alla maschera per il viso".

Ancora più esclusivi i cosmetici a base di stella alpina: "Fino a poco tempo fa il fiore alpino per eccellenza era quasi scomparso, oggi invece, sta tornando a diffondersi sulle nostre montagne tanto che i suoi estratti sono utilizzati in cosmesi per le loro proprietà antinfiammatorie, dermoprotettive ed antiossidanti".

Dalla vigna nascono eccellenti prodotti per la bellezza naturale, come le creme al moscato o al Friularo o Verdicchio e Barbera fino allo scrub ai vinaccioli che una volta macinati finemente, permettono l'asportazione delle impurità svolgendo una pulizia profonda e un'efficace azione levigante. Senza dimenticare il dopobarba all'amarone che garantisce un'elevata protezione dagli agenti atmosferici e grazie ai suoi principi attivi lascia un gradevole e caratteristico profumo sulla pelle appena rasata. Molto richiesti sono anche i prodotti per la bellezza all'olio extravergine d'oliva che, grazie alla sua acidità, fortemente compatibile con quella dell'epidermide, svolge una funzione emolliente e protettiva.

Continua a leggere su Today.it

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bava di lumaca e linfa di vite, l'agricosmetica sbarca a Expo

Today è in caricamento