Domenica, 16 Maggio 2021

Forme del corpo: l'allenamento ideale per perdere gli accumuli nei punti critici

Se vogliamo arrivare all'estate in perfetta forma può essere utile concentrare il workout sulle parti in cui sentiamo la necessità di migliorarci scegliendo l’allenamento più adatto, mirato per lavorare sul rimodellamento. Ecco alcuni consigli

Foto d'archivio

A mela, a pera, a rettangolo, a clessidra: qual è la conformazione del tuo corpo? Spesso è a causa di fattori ormonali, lo stile di vita, l'alimentazione e lo stress che tendiamo ad accumulare il grasso in determinati punti critici. Durante una dieta, non è raro vedersi allo specchio con un viso smagrito o con la pancia meno gonfia mentre i cuscinetti sui fianchi e sulle gambe non vogliono saperne di assottigliarsi.

A clessidra, ovale o a triangolo? Per ogni forma del corpo la sua dieta

Dunque, se vogliamo arrivare all'estate in perfetta forma, può essere utile concentrare il workout sulle parti del corpo in cui sentiamo la necessità di migliorarci. Attenzione però: non possiamo decidere in quale punto del corpo dimagrire, ma possiamo però scegliere l’allenamento più adatto e far lavorare le parti del corpo su cui vogliamo "mirare" il nostro rimodellamento. Ecco alcuni consigli. 

Il dimagrimento localizzato esiste davvero?

Forma "a rettangolo"

La cosiddetta donna "a rettangolo" ha di solito una struttura filiforme e seno piccolo, mentre il suo problema è l’assenza del punto vita. L'obiettivo, in questo caso, è quello di tonificare e sviluppare la muscolatura, correggendo eventualmente le posture scorrette. In questo caso l’attività cardio deve essere limitata ad una sessione a settimana per non intaccare le riserve energetiche, mentre ci si deve concentrare sul potenziamento muscolare. Sono consigliati il nuoto, il pilates e lo yoga

Forma "a clessidra"

In questo caso, la sua struttura è quella tipica della donna mediterranea, con spalle e fianchi della stessa ampiezza, vita sottile, seno prosperoso, glutei, fianchi e gambe pronunciati. Il peso tende ad accumularsi in modo uniforme, quindi è bene optare per un allenamento total body. Il workout giusto deve tonificare cosce, glutei, addome e braccia, migliorando la circolazione per prevenire la formazione della cellulite, alla quale questa tipologia di donna è particolarmente soggetta. La tonificazione è dunque il primo obiettivo, mentre è meglio non eccedere con le attività cardio: la camminata veloce è da preferire alla corsa, utile anche il nuoto.

Forma "a mela"

Le donne con un fisico "a mela" sono quelle che accumulano grasso principalmente nella zona addominale, toracica, dorsale e cerviconucale, con gambe magre e glutei meno pronunciati. Il punto vita è quindi abbastanza largo, il volume sui glutei abbastanza scarno e le gambe sono molto snelle.

Per migliorare la fisicità di una donna androide non bisogna mai lavorare sul punto vita, in quanto il problema principale è concentrato su gambe e glutei. Per prima cosa è fondamentale la tonificazione dei muscoli delle gambe e glutei, seguito dal dimagrimento della parte superiore del corpo.

Se allenate le due parti insieme, ogni giorno sarebbe ideale allenare per prima la parte inferiore del corpo e solo dopo quella superiore, questo perché nei primi 20 minuti di un allenamento si consumano solo zuccheri, e questo ha degli effetti positivi sui muscoli, e solo dopo inizia l’ossidazione dei grassi. L’allenamento per la parte inferiore del corpo, proprio per le sue caratteristiche, deve essere molto intenso, utilizzando esercizi multiarticolari come squat, affondo, stacco, step up, con ripetizioni che vanno dalle 8 alle 15; con carichi importanti ed esercizi ad alta sinergia. La parte superiore del corpo, quella in cui vi è il maggior quantitativo di grasso, dovrà invece essere allenata attraverso esercizi con sovraccarico per la parte superiore del corpo e stazioni aerobiche come step, cyclette, tappeto.

Forma "a pera"

Se appartieni a questo biotipo avrai forse notato che durante una dieta o seguendo un allenamento atto a perdere peso tendi a non dimagrire sulla parte inferiore mentre il viso si scava e il seno sparisce. La donna ginoide soffre molto più di ritenzione idrica a causa della cattiva circolazione e per questo tende ad accumulare acqua e cellulite sugli arti inferiori.

Al contrario il punto di forza è il giro vita stretto e l’addome generalmente piatto. Se dunque volete raggiungere le giuste proporzioni tramite lo sport, l'allenamento deve cercare di compensare questa differenza. Per prima cosa, sono sconsigliate le eccessive sessioni cardio, ma quando vi dedicate a questa tipologia di allenamento preferite sempre la camminata alla corsa perché altrimenti si rischia di accumulare molto acido lattico causando maggior infiammazione cellulare e ritenzione idrica. Inoltre, è consigliabile un tipo di allenamento differenziato per aree muscolari: indicati gli squat, le distensioni, gli affondi.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Forme del corpo: l'allenamento ideale per perdere gli accumuli nei punti critici

Today è in caricamento