Giovedì, 4 Marzo 2021

Skip: l'esercizio da inserire nel tuo workout per dimagrire e tonificare

Un esercizio cardio che migliora la resistenza, fa lavorare il cuore, le gambe e anche gli addominali: ecco tutti i benefici dello skip, le sue varianti e i consigli per eseguirlo in modo corretto

Foto d'archivio

Lo skip è un esercizio molto utilizzato e molto efficace per allenamenti in casa o outdoor, serve a tonificare cosce, gambe e glutei ma anche per bruciare calorie e rimetterci in forma. Esistono diverse varianti (skip alto o basso, corsa calciata dietro, gamba alternata) che ci consentono di concentrarci su un particolare gruppo muscolare, l'esercizio può essere modulato sia per i principianti che per i più sportivi variando l’altezza delle ginocchia o l’intensità della corsa.

Cos'è lo skip

Skip in inglese vuole dire saltare, potremmo considerarlo dunque una corsa a ginocchia alte o basse, rispettivamente skip alto o skip basso, può essere svolto da fermi o in movimento (percorrendo/spostandoci per piccole distanze). Si tratta di un esercizio cardio che migliora la resistenza, fa lavorare il cuore, le gambe e anche gli addominali.

Skip: i benefici

La pratica dello skip coinvolge diversi gruppi muscolari come polpacci, quadricipiti, glutei, addominali, lombari ed altro ancora. Per eseguirlo bene, la spinta deve essere fatta solo con l’avampiede, cercando di portare le ginocchia verso il petto senza, però, flettere il busto. Tra i suoi diversi benefici ricordiamo che serve per riscaldarsi prima dell’allenamento, migliorare la resistenza fisica e la tecnica, tonificare cosce e glutei ed anche bruciare calorie. Lo skip, infatti, soprattutto quello alto, è un ottimo esercizio per i programmi di allenamento per il dimagrimento, per il cardiofitness e la preparazione atletica generale. Potenzia i muscoli di spinta della coscia e migliora la coordinazione.

Le varianti dello skip

Lo skip alto viene chiamato corsa a ginocchia alte quando i muscoli coinvolti nell'esercizio sono principalmente quelli degli arti inferiori: polpacci, quadricipiti, lombari e tutta la muscolatura addominale. Quando invece le ginocchia rimangono sotto l'altezza del bacino, si parla di skip basso. Ecco poi riassunte le diverse varianti dello skip grazie al blog di Melarossa: 

  • corsa calciata: saltella portando i talloni verso glutei. Ricordati la respirazione e cerca di modulare l’intensità in funzione della tua condizione fisica. Puoi eseguire la corsa calciata sul posto o fare dei piccoli spostamenti.
  • Carioca: sposta il piede destro sopra il piede sinistro effettuando una rotazione del bacino verso la sinistra e oscillando le braccia orizzontalmente. Alterna dall'altra parte.
  • A-Skip: mentre un gamba effettua piccoli salti e rimane tesa, il ginocchio dell'altra gamba sale al livello del bacino. I piedi, invece, dovrebbero toccare terra più o meno assieme.

Controindicazioni dello skip

Nonostante sia un esercizio abbastanza semplice, lo skip è sconsigliato alle donne in gravidanza, a chi ha problemi articolari, patologie cardiache e a chi è in forte sovrappeso.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Skip: l'esercizio da inserire nel tuo workout per dimagrire e tonificare

Today è in caricamento