Giovedì, 3 Dicembre 2020

Covid-19: secondo uno studio il rischio di contagio in palestra è limitato

Negli ultimi mesi molti hanno rinunciato alla sana abitudine dell’allenamento in palestra per paura di contrarre il Covid-19, una pensiero errato secondo un recente studio che rivela che il rischio in palestra è molto limitato

Foto Ansa

Un anno difficile quello che sta per terminare, l'emergenza sanitaria ha purtroppo rivoluzionato il nostro modo di vivere la quotidianità e non solo: per molti lavoratori ha causato diversi problemi di carattere economico. Per le palestre e i centri sportivi la sopravvivenza è stata in questi mesi l'unico pensiero costante e quotidiano. Dopo il lockdown e la conseguente chiusura, la ripresa è iniziata ma scorre molto lenta. Quello del fitness e del wellness è diventato con il tempo un settore consolidato e molto apprezzato, ma il periodo storico che stiamo attraversando è uno dei più difficili mai vissuti per questo settore.

Se nei mesi scorsi il lockdown ha costretto alla chiusura le palestre, le piscine e i centri sportivi per circa 3 mesi, segnando una perdita di incassi non indifferente, la riapertura rischia nuovamente la minaccia di nuovi stop e provvedimenti straordinari. 

Da considerare anche la rivoluzione sociale che i fruitori dei servizi dedicati al fitness stanno vivendo in questi mesi: infatti, al timore di frequentare luoghi potenzialmente affollati si aggiunge la scoperta di partecipare a divertenti workout online, la comodità di praticare attività all’aria aperta e tanto altro ancora. Insomma, dinamiche nuove che contribuiscono a creare uno scenario nel mercato del fitness al quale gli imprenditori non erano forse preparati. Oggi, con la ripresa lenta ma costante dei contagi molti esercizi temono la crisi con un nuova chiusura. I pareri sono tanti e diversi e di certo le polemiche non sono mancate, soprattutto da parte dei professionisti del settore che rischiano nuove perdite.

Fitness: come il Covid-19 ha cambiato le abitudini di chi si allena

Lo studio: perché fare sport in palestra è sicuro

Le notizie allarmanti sul diffondersi della pandemia da Covid-19 hanno cambiato le abitudini di molti di noi, tra queste anche quelle di chi è un abituale frequentatore dei centri sportivi. Molti hanno rinunciato alla sana abitudine dell’allenamento in palestra per paura di contrarre il coronavirus, una pensiero errato secondo un recente studio che rivela che il rischio Covid in palestra è praticamente pari a quasi zero.

Come si legge su Siciliareporter.com, lo studio, condotto da UKActive nel Regno Unito e pubblicato sulla rivista Health Club Management, sostiene che il rischio di contagio è quasi azzerato mentre si pratica attività fisica. Sarà vero?

Se prendiamo in considerazione i dati analizzati emerge che le palestre del Regno Unito sono ambienti a rischio pressoché zero per quanto concerne il Covid-19, con un’incidenza di appena 0,020 casi positivi su 10.000 ingressi nell’arco del periodo post-lockdown tra il 25 luglio e 16 agosto.

A sostenere questa ipotesi è anche l’ANIF, ovvero l’Associazione Nazionale Impianti Sport & Fitness, la quale, oltre a riportare che le palestre sono i luoghi più sicuri al momento, spiega anche che fare attività fisica regolarmente rende il sistema immunitario più forte e meno soggetto a virus e altre patologie.

Senza dare pareri positivi o negativi riguardo lo studio, resta scontato dire che i comportamenti individuali restano alla base di tutto e dunque anche dell’azzeramento del rischio di contagio. Chi frequenta abitualmente palestre e centri fitness, infatti, è sempre tenuto a mantenere un comportamento responsabile e idoneo mirato al rispetto delle norme sanitarie: dunque la sanificazione degli attrezzi e delle postazioni, l’utilizzo di gel e sapone quando si accede e il distanziamento sociale.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Covid-19: secondo uno studio il rischio di contagio in palestra è limitato

Today è in caricamento