Venerdì, 5 Marzo 2021

Fare troppo sport è controproducente per la salute del cuore?

Fare attività fisica regolare e di media intensità, adatta all’età e alle condizioni di chi la pratica, ha effetti benefici sul sistema cardiovascolare, al contrario, secondo diversi studi, fare sport in maniera eccessiva e inadeguata alla propria età e livello di salute potrebbe essere dannoso

Foto d'archivio

Non sono isolati, purtroppo, i casi di sportivi anche di altissimo livello la cui vita si ferma improvvisamente sul campo a causa di un infarto, un arresto cardiaco o un ictus. Eppure si tratta di bravissimi campioni, allenati e seguiti rigorosamente da medici sportivi. Da qui allora potrebbe nascere un dubbio: troppo sport fa forse male alla salute?

Patologie ereditarie

Come leggiamo su saperesalute.it, probabilmente queste conseguenze sono dovute a qualcosa di ereditario. "La maggior sollecitazione a cui viene sottoposto l’apparato cardiocircolatorio degli atleti espone al rischio di precipitare una patologia silente, spesso ereditaria. Per un giovane con una malformazione nelle arterie cerebrali o un aneurisma congenito, un intenso allenamento sportivo può essere la causa scatenante di un ictus emorragico. Oppure di una fibrillazione atriale, se il cuore dell’atleta non batte correttamente per difetti del sistema di conduzione o per la presenza di deficit valvolari.
In questo caso il sangue all’interno del cuore ristagna e facilita la formazione di microtrombi che raggiungono presto il cervello.

Lo stress psicofisico può accelerare o scatenare l’evento, ma non si deve dimenticare che l’ictus si verifica sempre all’improvviso. Ciò che può fare la differenza è, in qualunque situazione ci si trovi, l’assistenza immediata".

Lo sport fa bene o male al cuore?

Sulla rivista Neurology si legge "una regolare attività fisica sarebbe in grado non soltanto di prevenire l’ictus, ma anche di ridurne le conseguenze.
Le persone fisicamente in forma hanno eventi cerebrovascolari più leggeri e una mortalità dimezzata rispetto a chi conduce una vita sedentaria".

A fare bene al sistema cardiovascolare è un’attività fisica regolare e di media intensità e adatta all’età e alle condizioni di chi la pratica, al contrario, secondo diversi studi, fare sport in maniera eccessiva e inadeguata alla propria età e livello di salute potrebbe essere dannoso. Ad esempio, allenamenti aerobici eccessivi favoriscono lo sviluppo di stati infiammatori che, a lungo andare potrebbero generare effetti collaterali nocivi. 

Una ricerca condotta su 60 persone di sesso maschile che praticano abitualmente attività fisica mediamente intensa della durata di 30 o 60 minuti, ha evidenziato come se da un lato allenamenti di 30 minuti contribuiscono ad migliorare l’elasticità delle arterie, dall’altro sessioni di un’ora favoriscono una rigidità vascolare. Gli effetti indesiderati, poi, si verificano in modo ancora più netto dopo i 50 anni.

Dunque, non è lo sport che può far male al cuore di per sé, anzi. Perché le arterie vengono messe alla prova dall’aterosclerosi, dalla pressione alta, da scorrette abitudini di vita, dall'età e tanti altri fattori. Una regolare attività fisica migliora le funzioni dei vasi sanguigni, combatte l’infiammazione delle arterie, regola la pressione e riduce i grassi. Ma soprattutto sembra che abbia un’importante influenza positiva sulle funzioni di coagulazione del sangue. Basta solo praticare sport in modo sano e corretto, senza eccedere.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Fare troppo sport è controproducente per la salute del cuore?

Today è in caricamento