rotate-mobile
Venerdì, 3 Febbraio 2023
Psicologia e Coppia

Le donne che partoriscono dopo i 30 anni vivono più a lungo: lo studio

Secondo una tesi dei ricercatori dell'Università di Coimbra pubblicata sul Journal of Public Health, avere tardi il primo figlio sarebbe motivo di longevità

Oggi la maternità in età avanzata costituisce sempre più una regola per le donne che, per scelta o necessità, restano incinte dopo i trent'anni. 

Al di là di ogni valutazione di merito, la scienza ha  notato come la circostanza di posticipare la gravidanza rientri tra le cause che permettono alla donna di vivere più a lungo.

La tesi, pubblicata sul Journal of Public Health, è sostenuta dagli esperti dell'Università di Coimbra che hanno analizzato l'età di un campione di donne europee rilevando che tendano ad avere una vita più lunga quanto più tardi danno alla luce il primo figlio.

Ad avvalorare la tesi è un altro studio ripreso dalla rivista Menopause, secondo il quale le donne che sono diventate mamme dopo i 33 anni hanno i marcatori di longevità in un numero di tre volte maggiore all'interno del loro DNA rispetto alle mamme che hanno partorito in età più giovane. 
Manca ancora una ragione scientifica che spieghi la teoria, ma l'ipotesi è che le donne che diventano mamme più tardi siano consapevoli, pronte e abituate a condurre uno stile di vita più sano ed equilibrato.
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Le donne che partoriscono dopo i 30 anni vivono più a lungo: lo studio

Today è in caricamento