rotate-mobile
Lunedì, 6 Dicembre 2021
Crisi di coppia

Quando una relazione finisce è l’uomo a soffrire di più: lo dice uno studio

Secondo la ricerca, quando un amore arriva al capolinea, è l’uomo a sperimentare un maggior dolore emotivo rispetto alla donna, e a cercare supporto quando ha problemi di coppia

Il clichè secondo cui sono le donne a soffrire di più, rispetto agli uomini, quando una storia finisce, deve essere abbandonato. A suggerirlo un recente studio condotto dai ricercatori della Lancaster University sui problemi di coppia, secondo cui sono gli uomini a sperimentare maggiori sofferenze quando un amore arriva al capolinea. Inoltre, secondo la ricerca, pubblicata sul Journal of Social and Personal Relationships, sono gli uomini a cercare maggiormente aiuto tramite piattaforme online quando hanno problemi sentimentali.

"La maggior parte di quel che sappiamo sui problemi di relazione proviene da studi su persone che seguono una terapia di coppia, e che includono un sottoinsieme piuttosto specifico di persone: persone che hanno tempo, denaro e motivazione per lavorare sui loro problemi di relazione" - ha affermato la dott.ssa Charlotte Entwistle, tra gli autori della ricerca - "Con questa nuova indagine, condotta su “big data” (dati online), volevamo capire non solo quali problemi relazionali sono più comuni tra le persone (uomini e donne), ma anche chi li sperimenta di più emotivamente".

Lo studio

Il team di ricerca ha analizzato le caratteristiche demografiche e psicologiche di oltre 184.000 persone che hanno riportato i loro problemi di relazione su un forum online anonimo. Utilizzando metodi di elaborazione del linguaggio naturale, i ricercatori hanno determinato statisticamente quali fossero i temi più comuni cemersi nei diversi post, creando una "mappa" dei problemi di relazione più diffusi nella popolazione generale.

Quali sono i problemi di coppia più comuni?

Dall’indagine è emerso che il problema di coppia più comune riguarda i problemi di comunicazione con il proprio partner (a metterlo al primo posto è stata 1 persona su 5), mentre 1 persona su 8 ha riferito la mancanza di fiducia nei confronti del partner come problema principale della coppia. "Mentre stavamo conducendo lo studio - ha affermato il dottor Ryan Boyd, ricercatore capo dello studio - ci siamo resi conto che l’indagine poteva rappresentare un'importante opportunità per confermare o demolire molti stereotipi sulle differenze di genere nelle relazioni sentimentali. Come ad esempio, la convinzione secondo cui gli uomini sono meno coinvolti emotivamente nelle relazioni rispetto alle donne e parlano di meno dei loro problemi di coppia”.

Il dolore emotivo è il tema più discusso dagli uomini

L’indagine ha rivelato che il tema più discusso dagli uomini è il dolore emotivo (collegato a parole quali "rimpianto", "rottura", "pianto" e "cuore spezzato") causato da problemi di coppia, piuttosto che dei problemi stessi.  "Abbiamo scoperto - ha detto Boyd - che gli uomini tendono ad affrontare gli argomenti sulla rottura e il dolore emotivo più frequentemente delle donne. I risultati del nostro lavoro suggeriscono, pertanto, che lo stereotipo degli uomini meno coinvolti emotivamente nelle relazioni potrebbe essere falso, non avendo alcun riscontro nella realtà".

Gli uomini parlano di più della loro sofferenza emotiva

Contrariamente alle aspettative, i risultati del team hanno mostrato che gli uomini discutono del loro dolore emotivo di più di quanto facciano le donne. "Il fatto che il tema del mal di cuore sia stato discusso più comunemente dagli uomini - ha dichiarato la dott.ssa Entwistle - sottolinea come gli uomini in realtà siano emotivamente più colpiti dai problemi di coppia rispetto alle donne”.

Come si fa sesso dopo la pandemia: i tre nuovi trend "figli" dell'isolamento

Gli uomini cercano aiuto tramite canali online più delle donne

I ricercatori hanno scoperto, inoltre, che gli uomini cercano aiuto tramite canali online di più delle donne quando hanno problemi di coppia. “E’ opinione diffusa - ha sottolineato il dottor Ryan Boyd -, che le donne abbiano maggiori capacità nell’identificare i problemi di relazione e risolverli più facilmente rispetto agli uomini. Se, alla luce di queste nuove evidenze, riusciremo a demolire l’immagine dell’uomo che non condivide nè parla delle proprie emozioni, verrà meno anche la convinzione secondo cui gli uomini sono meno predisposti a impegnarsi e a lavorare per risolvere i problemi di coppia”.

Individuare in tempo i problemi di coppia può salvare la relazione

Questi risultati hanno implicazioni generali per il superamento dello stereotipo maschile meno coinvolto nelle relazioni sentimentali, ma potrebbero essere utili anche in contesti clinici, “perché - ha spiegato il dott. Boyd - un’immagine più chiara dei problemi relazionali serve a comprendere in tempo le motivazioni che portano a una rottura e, quindi, ad aiutare meglio chi si rivolge agli esperti in materia per salvare il proprio rapporto". "Allo stesso modo - conclude Boyd - speriamo che il nostro studio possa contribuire a de-stigmatizzare il concetto di terapia di supporto psicologico, visto che moltissime persone cercano aiuto in modi diversi (anche tramite piattaforme online) quando affrontano situazioni complicate nella relazione".

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Quando una relazione finisce è l’uomo a soffrire di più: lo dice uno studio

Today è in caricamento