rotate-mobile
Giovedì, 20 Gennaio 2022
Sesso Italia

I sexy shop ai tempi della crisi economica

Crisi: come cambia il mercato dei sexy shop

Anche i sexy shop risentono della crisi economica. Troppe spese e poche entrate: i negozi stanno abbassando le serrande. Al loro posto sta crescendo un nuovo agguerrito concorrente: il sexy shop on line in franchising. Niente a che vedere con le chat erotiche o i siti hard, i sexy shop on line stanno spopolando sul web occupando una fetta sempre più grande dell’economia. Sono la nuova frontiera del franchising e si candidano a diventare i nuovi mammut del web. “I sexy shop su strada stanno chiudendo – spiega Assosex, l’Associazione a tutela dei diritti e libertà individuali – e non è solo a causa della crisi. Prima avevano senso perché vendevano videocassette o dvd porno, ora chi vuole vedersi un film lo scarica da Internet”. O lo compra on line. Nel Lazio a farla da padrona è la Faronet Srl in campo dal 1999, nell’ultimo anno ha incrementato il suo fatturato del 30%. Oltre 5 mila ordini per  quasi 40 mila clienti e 200 affiliati.”L’anno scorso abbiamo aperto una catena di sexy shop su strada – mi spiega Roberto Campisi, amministratore delegato della società – ma l’abbiamo subito chiusa perché non andava incontro alle nostre aspettative; abbiamo deciso di puntare tutto sull’on line”. Scelta quanto mai azzeccata: ad oggi la Faronet conta oltre 200 affiliati.

TUTTO IL SESSO SENZA TABU SU "SEX AND ROME"

Come funziona il franchising

Chi apre un sexy shop on line non ha nessun costo iniziale, la società madre mette asexy shop disposizione il sito e il magazzino con la merce. L’affiliato guadagna il 30% sul prezzo al pubblico, l’azienda il 20%. Molti, però, decidono di mettersi in proprio. È il caso di Andrea Zerbini, imprenditore romano entrato nel mondo dei sexy shop on line: “Ho pagato 10 mila euro alla Sv Service che mi ha realizzato un sito web e mi ha fatto una campagna pubblicitaria basica; adesso gestisco la mia azienda in modo autonomo” mi spiega. “Hai mai pensato di aprire un sexy shop su strada?” gli chiedo incuriosita. “Non ci penso proprio! – risponde deciso: – Non pago affitto, né personale e guadagno 3 mila euro al mese”. Il successo di questi negozi virtuali è dovuto essenzialmente a 3 fattori: i prezzi sono inferiori del 30-40% rispetto a un negozio su strada, non c’è il rischio di essere “visti” e la merce arriva entro 24 ore con pacco anonimo. L’oggetto più venduto? Anche nel web si va sul classico: il Dildo è un evergreen.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I sexy shop ai tempi della crisi economica

Today è in caricamento