rotate-mobile
Giovedì, 20 Giugno 2024
Sesso

Le 4 zone erogene maschili: ecco quali sono

Noi abbiamo il punto G (forse). Una garanzia per il piacere di ogni donna. Ma il nostro lui, avrà degli hot spot a cui bussare per stimolarlo un po’ ed evitare di passare la serata sul divano a guardarsi Sky?

Ebbene sì, poche lo sanno, ma abbiamo qualche arma in più di 11 giocatori che si contendono una palla: noi, o meglio lui, ha 4 hot spot (per essere campanilisti, zone erogene) su cui puntare per risvegliare l’insaziabile che c’è in lui (se c’è).

Leggi anche: Le 5 fantasie Top che gli Uomini hanno in testa

PUNTO O
Facilmente accessibile, si trova sul bordo esterno dell’orecchio, esattamente sul lobo. Si riconosce grazie alla sua forma circolare. Prima fagli un bel solletico con le dita e poi inizia a giocarci con le labbra. Brividi garantiti, di piacere of course.

PUNTO N
Comprende la zona della nuca, esattamente sopra al collo. Mentre vi state baciando, allunga la manina e inizia ad accarezzarlo lì. Inizierà a provare un formicolio che si rifletterà a cascata lungo tutta la colonna vertebrale, fino all’osso sacro. Poi, fai tu.

PUNTO C
Anche se indossa quegli orribili calzini bianchi corti, fai uno sforzo e accarezzagli la caviglia. Se toccata nel modo giusto, non saprà resistere. Prova a strofinare prima una e poi l’altra con entrambe le mani, eseguendo un movimento a cavatappi. E poi, il cavatappi lo userai davvero per brindare all’amplesso (si spera).

PUNTO G
Lo so, sono la cosa meno erotica del corpo di un uomo, ma sembra che le ginocchia siano ricettacolo di piacere. In particolare, la pelle dietro è parecchio sottile e ricca di terminazioni nervose. Fagli dei grattini, ho detto grattini, non grattarlo come se avesse la scarlettina.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Le 4 zone erogene maschili: ecco quali sono

Today è in caricamento