rotate-mobile
Sabato, 21 Maggio 2022
Libri
MENU
Libri

Giorno della Memoria, i libri da leggere per non dimenticare

Il 27 gennaio è il Giorno della Memoria, per non dimenticare la Shoah lasciamo che a raccontarla siano le pagine dei libri

La memoria storica è uno scrigno prezioso da custodire con la massima cura. Il 27 gennaio del 1945, le truppe sovietiche entravano ad Auschwitz, in Polonia e il mondo scopriva gli orrori dei campi di concentramento.

Sono passati più di settant'anni dalla fine della seconda guerra mondiale, ma l'olocausto e tutto quello che ne è conseguito non devono essere dimenticati. Uomini, donne, anziani e bambini nessuno è stato risparmiato, il numero degli ebrei e di tutti i "diversi" scomparsi è stato altissimo, si parla di milioni di persone.

Proprio per non dimenticare e per capire cosa è veramente successo le pagine dei libri ricche di racconti, ci hanno tramandato le testimonianze dei sopravvissuti. Vi suggeriamo 15 libri da leggere per ricordare la Shoah.

Un libro sulla forza della speranza: L'uomo più felice del mondo

l'uomo più felice-2

In uscita il 25 gennaio, il libro racconta la storia di Eddie Jaku, morto a 101 anni ma che si considerava l'uomo più felice del mondo nonostante un passato difficile. Eddie ha vissuto l'esperienza dei campi di concentramento nazisti, subendo atrocità e torture, ma si è sempre considerato un tedesco, fino a quando tutto è cambiato nel 1938. Picchiato e arrestato, viene portato in un campo di concentramento perdendo tutto, dalla famiglia, agli amici persino il suo paese. Jaku ha trascorso sette anni nell'oscurità più buia, ma grazie al conforto degli altri prigionieri è riuscito a trovare un modo per andare avanti, promettendo a sé stesso che avrebbe sorriso ogni giorno della sua vita per renderle omaggio. Pubblicato quando Eddie ha compiuto 100 anni, l'autobiografia insegna che la speranza può essere trovata anche nei momenti più bui.  

Scopri di più su Amazon

Il racconto struggente di un nonno ai nipoti: Come foglie al vento

Come foglie al vento-2

Ambientato a Venezia, lo struggente racconto di un nonno ai nipoti è l'occasione per ripercorrere la persecuzione degli ebrei: il ricordo dell'uomo è alternato a documenti e avvenimenti pubblici di quegli anni, tutte testimonianze utili a delineare il quadro storico del periodo e l'incredulità delle vittime delle persecuzioni. Il libro racconta la storia di uomini e donne travolti da un orrore inimmaginabile, tenuto nascosto fino alla fine del conflitto perché quel poco che si conosceva era troppo per essere creduto. L'autore, Riccardo Calimani, uno dei massimi studiosi ed esperti di Venezia unisce nel libro la dimensione privata con quella storica per ricostruire la storia degli anni più terribili del Ventesimo secolo.

Scopri di più su Amazon

Un'analisi sulla responsabilità della Germania: Dov'eri, Adamo?

Dov'eri, Adamo?-2

Pubblicato per la prima volta nel 1951, nel romanzo l'autore Böll sorprende per il coraggio con cui racconta le responsabilità della Germania e di ogni uomo, dai soldati ai civili, nella guerra e nello sterminio. Nei nove capitoli lo scrittore racconta la storia dei singoli protagonisti, descrivendo il progressivo abbrutimento delle persone coinvolte direttamente nel conflitto, spiazzando il lettore per lo stile diretto e scarno.

Scopri di più su Amazon

La testimonianza di una coraggiosa combattente: Il mio nome è Selma

il mio nome è selma-2

Il libro racconta la vicenda di Selma, una studentessa ebrea sfuggita alla cattura arruolandosi tra le fila della resistenza, destino che condivide con moltissimi ebrei che hanno scelto di partecipare attivamente alla lotta contro il regime nazista. Per due anni con il nome di "Marga" decide di rischiare la sua vita viaggiando come staffetta attraverso l'Olanda, il Belgio e la Francia per raccogliere informazioni, portare documenti di identità, dare rifugio ai giovani ricercati dai tedeschi. Nell'estate del 1944 la ragazza viene arrestata e deportata come prigioniera politica a Ravensbrück, nel principale lager femminile della Germania nazista. Selma riesce a sopravvivere fino al giorno della liberazione mantenendo la falsa identità, solo quando termina il conflitto ha il coraggio di riappropriarsi della sua identità. Selma a 92 anni smentisce un luogo comune degli antisemiti e dei negazionisti che vede gli ebrei come delle vittime mansuete che si sono lasciati condurre docilmente alla morte.

Scorpi di più su Amazon

Una decisione che condizionerà per sempre la vita della protagonista: La scelta di Sophie

la scelta di sophie-2

Il romanzo intenso, va oltre la storia e partendo dall’Olocausto realizza una riflessione sul piano esistenziale. Il Male non è visto come qualcosa generato da una mente perversa, ma come una tentazione a cui chiunque può cedere. Sophie, si troverà a fare una scelta difficile e straziante per ogni madre, decidere quale dei suoi figli vivrà. La sua colpa è di essere una sopravvissuta, colpa che condivide con Nathan Landau, un ebreo americano con cui, nella New York del 1947, intreccia una relazione di cui è testimone Stingo, un aspirante scrittore arrivato a New York dalla Virginia. Un libro tragico che affronta la vita con ironia, per mettere in evidenza le contraddizioni dell'animo umano. 

Scopri di più su Amazon

Un libro sulle fragilità e sulla forza di un adolescente: Il filo di Auschwitz

Il filo di Auschwitz-3

L'autrice Véronique Mougin con una scrittura delicata e forte racconta la storia di un ragazzo, che ha in sè la fragilità e la rabbia tipica degli adolescenti. Tom Sawyer è anche un giovane ungherese che vuole vivere in pieno la sua età rifiutando di seguire le orme del padre. I tedeschi arrivano nella sua cittadina e danno inizio ai rastrellamenti. Tom perde di vista la sua famiglia e rimane solo con il padre. I due riescono a sopravvivere ad Auschwitz cucendo le divise dei nazisti. Una volta uscito dall'inferno dell'olocausto, Tom non è più il ragazzo grintoso di prima, è cresciuto in fretta e deve adattarsi ad un nuovo mondo che non riconosce e che non gli appartiene più. 

Scopri di più su Amazon

Un libro che ci insegna come sia impossibile non farsi coinvolgere: Il mostro della memoria

Il mostro della memoria-2

L'autore israeliano abituato a scrivere libri gialli, questa volta si misura con il genere storico, esplorando l'animo umano e le sue reazioni davanti all'orrore. Il protagonista è un giovane storico israeliano, mentre segue un dottorato sulla Shoah, per arrotondare, fa da guida a gruppi di turisti in visita nei campi di concentramento in Polonia. Ogni giorno ripercorre la vita e gli orrori subiti dagli ebrei, con distacco e un’inconfessata ammirazione per l'efficienza dei tedeschi. Poco a poco le ombre del ricordo e dell'ingiustizia subita dagli ebrei si impossessano della sua mente, trascinandolo in un baratro in cui rischia di perdersi.

Scopri di più su Amazon

La testimonianza di come l'amore può sbocciare anche nella distruzione: La lettera perduta

La lettera perduta-2

L'autrice molto fedele alla cronaca degli avvenimenti storici, nel romanzo ci racconta due periodi storici, due luoghi lontani che non hanno niente in comune. La Notte dei Cristalli, compiuta da Hitler al fine di sbarazzarsi degli ebrei e conquistare l’Austria e il crollo del muro di Berlino. La protagonista Katie, si troverà in bilico tra questi due periodi. Attraverso la vastissima collezione di francobolli del padre, Katie verrà trasportata in un’altra epoca, poco prima della guerra in un paesino, in cui i sentimenti sopravvivono a tutto, persino alla devastazione nazista. 

Scopri di più su Amazon

Un libro che racconta gli orrori del regime subiti dagli omosessuali: Gli uomini con il triangolo rosa

Gli uomini con il triangolo rosa-2

Heinz Heger, pseudonimo di Josef Kohout, è stato prigioniero nei campi di concentramento nazionalsocialisti a causa della propria omosessualità. Nel libro racconta la sua esperienza dalla deportazione nei campi di concentramento di Sachsenhausen e di Flossenbürg, all'infamia di dover indossare il triangolo rosa, che identificava le persone omosessuali. Tra torture, stratagemmi e alleanze col nemico l'autore è riuscito a sopravvivere. Il libro è arricchito da un saggio di Giovanni Dall'Orto sulla condizione degli omosessuali italiani sotto il regime fascista.

Scopri di più su Amazon

Un romanzo che nasce da una storia vera: Stella

Stella-2

Il romanzo ispirato ad una storia vera, racconta l'amore e le bugie sullo sfondo di una Berlino rapita dall'ideologia nazista e dalla caccia agli ebrei. Il protagonista Friedrich è un ragazzo che dalla Svizzera arriva a Berlino per inseguire le sue ambizioni artistiche. In una scuola d'arte incontra Kristin, una ragazza bella e sicura di sé. La donna decide di prendersi cura di Fritz facendogli conoscere la vera Berlino, quella delle feste e del divertimento. L'idillio finisce quando Kristin si presenta alla porta di Fritz ferita, con dei lividi sul volto e sul corpo, e gli confessa tutta la verità. 

Scopri di più su Amazon

Un libo dedicato ai ragazzi: Fino a quando la mia stella brillerà

Fino a quando la mia stella brillerà-2

Per la prima volta Liliana Segre racconta la sua storia in un libro dedicato interamente ai ragazzi, perché quando viene portata ad Auschwitz ha solo tredici anni. Quando le comunicano che non potrà andare a scuola, Liliana non sa di essere ebrea. La sua vita improvvisamente viene stravolta, i giochi e le corse con i cavalli vengono abbandonati, non ha più una casa, fugge e poi viene arrestata: il 30 gennaio 1944 dal binario 21 della stazione Centrale di Milano parte per il campo di concentramento. Ogni sera nel campo cerca in cielo la sua stella perché si ripete che finché lei è viva, la stella avrebbe continuato a brillare. 

Scopri di più su Amazon

Un libro dedicato ai bambini destinati alle sperimentazioni mediche: Noi, bambine ad Auschwitz

Noi, bambine ad Auschwitz-2

La sera del 28 marzo 1944 la vita della famiglia Perlow viene bruscamente sconvolta. Vengono tutti arrestati e, dopo una breve sosta nella Risiera di San Sabba a Trieste, deportati ad Auschwitz-Birkenau. Sopravvissute alle selezioni le sorelle Tatiana e Andra vengono internate in un Kinderblock, il blocco dei bambini destinati alle sperimentazioni mediche. La tragica quotidianità di Birkenau diventa per le bambine il sinonimo della vita normale. Finché, dopo nove mesi appare un soldato con una divisa diversa e una stella rossa sul berretto. E' il 27 gennaio 1945, il giorno della liberazione, ma la loro solitudine non termina quel giorno, trascorreranno ancora un anno in un orfanotrofio di Praga e alcuni mesi a Lingfield in Inghilterra, in un centro di recupero diretto da Anna Freud, dove finalmente conosceranno la normalità. 

Scopri di più su Amazon

Un libro per insegnare alle nuove generazioni: Ritorno a Birkenau

Ritorno a Birkenau-2

La protagonista di questo libro è Ginette Kolinka una ragazza che durante il conflitto ha solo diciannove anni e viene deportata insieme al padre, al fratello minore e al nipote a Birkenau. Alla fine della guerra è l'unica della famiglia a tornare: la fame, la violenza, l'odio, la brutalità, la morte sono sempre presenti nella sua vita, l'assurdità e la disumanizzazione hanno caratterizzato i giorni all'interno del campo di concentramento. A distanza di anni con semplicità, schiettezza e una forza straordinaria Ginette narra ciò che ha vissuto in quegli anni dopo che per mezzo secolo ha tenuto per sé i suoi ricordi. Improvvisamente ha sentito sempre più forte l'esigenza di tramandare alle giovani generazioni ciò che ha vissuto, per questo Ginette visita le scuole e accompagna i ragazzi ad Auschwitz-Birkenau, raccontando la propria testimonianza.

Scopri di più su Amazon

Un libro per ricordare gli eroi dimenticati: I giusti

I giusti-2

Jan Zwartendijk al pari di Oskar Schindler, Raoul Wallenberg e Giorgio Perlasca, è stato tra gli eroi che hanno avuto il coraggio di opporsi al Nazismo. Con la salita al potere di Hitler, gli ebrei cechi e polacchi cercano rifugio in Lituania, l'unico Paese della regione che accoglie ancora i profughi ma che diventa oggetto di contesa tra il Reich e l'Unione Sovietica. In un clima di incertezza l'olandese Jan Zwartendijk, direttore della filiale lituana della Philips e nuovo console onorario a Kaunas, riesce a dare un'insperata via di fuga dall'Europa nazista. Lavorando da solo e di nascosto, nel giro di tre settimane rilascia i visti per Curnao, nelle Indie olandesi, mentre il collega Sugihara, console giapponese, firma i visti di transito per il Giappone. Senza conoscersi né incontrarsi mai, i due diplomatici riescono a salvare migliaia di vite nel silenzio più totale. A distanza di anni e prendendo spunto da fonti e testimonianze in giro per il mondo, è stata data la giusta importanza all'uomo conosciuto come l'Angelo di Curagao.

Scopri di più su Amazon

Un romanzo ispirato alla vera storia di Otto B Kraus: Il maestro di Auschwitz

Il maestro di Auschwitz-2

Il libro è ispirato alla storia vera del Blocco 31 e di Otto B Kraus, il protagonista del volume è Alex Ehren uno dei prigionieri di Auschwitz-Birkenau che fa di tutto per contrastare l'orrore che quotidianamente caratterizza le giornate all'interno del campo di concentramento. L'uomo per regalare una parvenza di normalità ai bambini presenti all'interno del Blocco, decide di contravvenire agli ordini dei comandanti e di nascosto dà lezione ai bambini. Un piccolo gesto che nasconde tanto coraggio ed è un vero e proprio atto sovversivo, in questo modo prova a proteggerli dalla terribile realtà della persecuzione.

Scopri di più su Amazon

Si parla di
Sullo stesso argomento

Ultime guide all'acquisto

Potrebbe interessarti

Giorno della Memoria, i libri da leggere per non dimenticare

Today è in caricamento