Martedì, 9 Marzo 2021
Libri
MENU
Libri

Quel che affidiamo al vento di Laura Imai Messina la nostra recensione

Un libro delicato, che racconta come affrontare con coraggio il dolore dopo una perdita grave o improvvisa. Ecco la nostra recensione

Quel che affidiamo al vento è il quarto libro dell’autrice italiana Laura Imai Messina la scrittrice da anni in Giappone nel romanzo riesce a delineare il carattere schivo e dignitoso del popolo nipponico, che conserva la sua compostezza anche quando deve affrontare un dolore forte come la morte.

quel che affidiamo al vento-3

La "protagonista" del libro è la cabina del vento, una struttura che esiste davvero e che con la sua presenza delicata, ma possente all’interno del giardino di Bell Gardia riesce a dare conforto a chi ha subito un grave lutto.

Il libro si focalizza sulle perdite a seguito dello tsunami che ha devastato il Giappone nel 2011. Accanto a loro, però, vengono raccontate anche le storie di chi è rimasto orfano, di chi ha perso un parente a causa di una malattia o di una leggerezza.

Tra tutte spiccano quelle di due personaggi, Yui e Takeshi. Yui è una speaker radiofonica, ma soprattutto è una sopravvissuta. Lo tsunami le ha portato via la madre e la figlia. Le sue giornate si svolgono nella routine più completa, ma senza passione o coinvolgimento perché ormai privata dei suoi affetti più importanti.

Un giorno, durante la sua trasmissione radiofonica, viene a conoscenza di questa cabina. Come risvegliata da un lungo sonno decide di intraprendere il lungo viaggio per andare a vederla.

Arrivata sul fianco scosceso di Kujira-yama, dove si trova il giardino, rimane affascinata e nello stesso tempo spaventata. Anche se ammira il coraggio di chi riesce ad alzare la cornetta e a parlare ai propri cari, lei inizialmente rimane a guardare, perchè ancora non si sente pronta. 

Nel corso del primo viaggio incontra Takeshi, un medico, ma soprattutto un padre. Durante lo tsunami, ha perso la moglie e da quel momento la figlia ha smesso di parlare. L'uomo vorrebbe tanto aiutarla, ma non sa come fare. 

Tra i due nasce subito una bella amicizia, fatta di condivisione, messaggi, consigli e viaggi alla volta di Bel Gardia. Questa cabina con la speranza che porta con sè, riesce ad aiutare anche la piccola che finalmente riuscirà a superare la perdita della madre e vedere in Yui una nuova famiglia. 

La cabina simbolo della rinascita, della speranza e nella possibilità di andare avanti dopo un avvenimento devastante, viene messa a dura prova dall'arrivo di una tempesta. Yui che grazie a quel luogo magico è riuscita a tornare alla vita e a immaginare un futuro, farà di tutto per proteggerla

Quel che affidiamo al vento è un romanzo che centra in pieno la compostezza del popolo nipponico, raccontato con grande maestria da Laura Imai Messina. Anche se la scrittura è molto semplice, nei capitoli c'è un'alternanza tra quelli immediati e quelli più lunghi in cui ci fa entrare in contatto con i personaggi. 

La scrittrice riesce a raccontare le anime e i sentimenti di chi ha sofferto, con una delicatezza e un'eleganza che è difficile da ottenere se non si ha chiaro l'obiettivo. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

Ultime guide all'acquisto

Potrebbe interessarti

Quel che affidiamo al vento di Laura Imai Messina la nostra recensione

Today è in caricamento