Sabato, 28 Novembre 2020
Capelli
MENU

Capelli sfibrati: come nutrirli dopo l'estate

I capelli rovinati dopo l'estate sono un problema che accomuna molte donne: opachi, pieni di doppie punte, sfibrati, se la vostra chioma si presenta così, ecco alcuni consigli per tornare a farla splendere

Mare, sole, salsedine, d'estate sono un vero problema per i capelli che a fine stagione purtroppo ne risentono, rimanendo spesso sfibrati e pieni di doppie punte.

Il capello dopo l'esposizione al sole appare molto più secco e malato, ma non sempre l'unica soluzione è quella di tagliarlo. Prima di tutto va reidratato, quindi va benissimo utilizzare prodotti che ne lucidano l'aspetto e che abbiano una azione a lungo termine.

Molto importante è utilizzare ogni giorno un olio di argan o di lino che ripristina la protezione naturale del capello, poi è sempre meglio usare uno shampoo neutro e magari con sostanze naturali calmanti. Anche la funzione del balsamo non è da sottovalutare, meglio quelli arricchiti da olii essenziali. 

Da non dimenticare l'asciugatura che deve essere delicata, meglio se con il diffusore e ad un distanza di circa 20 cm dalla testa. Per il periodo successivo alle vacanze, è consigliabile sospendere l'uso della piastra.

Infine anche l'alimentazione non deve essere trascurata, il capello per crescere sano ha biso­gno di ele­menti come vita­mine, ami­noa­cidi e oli­goe­le­menti che se non ven­gono intro­dotti in quan­tità suf­fi­cienti all’interno del corpo, rischiano di rovinare la nostra chioma.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Capelli sfibrati: come nutrirli dopo l'estate

Today è in caricamento