Asso di denari

Asso di denari

Quali precauzioni prendere prima di comprare un’auto usata

Foto di repertorio

Il mercato dell’usato ha avuto un vero e proprio boom, come era prevedibile, grazie ad Internet e ad app e social network ad esso dedicati, ma l’on-line ripropone e amplifica il problema della fiducia che è alla base di qualsiasi scambio tra un venditore e un acquirente. Ecco allora qualche consiglio per quel che riguarda la compravendita di auto usate.

Diffidare di prezzi troppo bassi ed evitare versamenti online in anticipo, prima della consegna del veicolo o addirittura prima di averne preso visione. Non è solo una questione di buon senso volta a evitare di gettare i propri averi, ma è una questione anche, potenzialmente, legale.  

Fidarsi alla cieca può condurre al cosiddetto ‘incauto acquisto’, quale è l’acquisto di un bene di cui non si è appurata la provenienza; nel caso emerga che l’auto (o qualsiasi altro bene) comprata sia stato precedentemente rubata, anche l’acquirente potrebbe incorrere in problemi con la legge, sebbene non abbia rubato in prima persona quel bene (doveva infatti, comunque, appurare da dove provenisse).

Chi acquista un’auto usata deve controllare targa, numero del telaio e del motore (devono corrispondere a quelli riportati nel libretto di circolazione), nonché cerchi e gomme. 

Va controllato anche il certificato di proprietà, per essere sicuri che sul veicolo non vi siano ipoteche o fermi amministrativi e che quindi si possa utilizzare liberamente la vettura una volta che la si è acquistata.

I costi dell’acquisto di un’auto usata sono normalmente più elevati se ci si rivolge a un concessionario che tratta quelle vetture, perché il concessionario ha costi operativi (personale, salone, tasse) che non affliggono invece il privato che metta in vendita la propria auto. Di contro anche un privato può avere le conoscenze di meccanica sufficienti a manomettere il contachilometri e barare su quanto è usata la vettura che vende.

Asso di denari

" Un po' come la legge di gravità e le leggi della fisica in generale, l'economia ci appare spesso come un limite, una gabbia, tanto che qualcuno l'ha anche definita ""la scienza triste"". Ma per l'economia, come per la fisica, il manto di grigiore che l'avvolge davanti agli occhi dell'ordinary man, l'uomo qualunque, può essere squarciato e regalare l'immensa sorpresa di un universo tutto da scoprire, dove non esistono solo vincoli ma anche opportunità. Così come, pur senza essere un angelo e senza avere ali, scoprendo le leggi della fisica l'uomo ha sfruttato l'opportunità di riuscire a volare, così - ed è quello che ci prefiggiamo con questo blog - affrontando l'economia senza timori, ciascuno può provare a divenire un asso. Non un asso dell'aviazione ma un asso di denari "

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Torna su
Today è in caricamento