Domenica, 1 Agosto 2021

Cambiare fornitore di connessione internet conviene, ma solo dopo 24 mesi

Tradire, o meglio sfruttare la concorrenza, conviene, come ha calcolato il portale SosTariffe.it analizzando tutti i costi di disattivazione e le eventuali penali per il recesso anticipato dal contratto di fornitura di connessione a internet. Cambiare provider ADSL o Fibra fa risparmiare fino a 55 euro grazie all’abbattimento del costo di disdetta dall’operatore precedente. Il risparmio matura però se il passaggio avviene dopo 24 mesi dall’attivazione col fornitore che si lascia, perché quasi tutti i provider applicano un vincolo di permanenza e dunque in caso di recesso dal contratto prima di questo termine scatta l’obbligo di sborsare, oltre al costo di disattivazione per passaggio ad altro provider, anche una penale (con restituzione degli eventuali, e frequenti, sconti usufruiti fino alla data di disdetta).

In media per disdire una tariffa ADSL dopo 24 mesi si spendono 130,3 euro, mentre per interrompere una fornitura Internet in fibra ottica la spesa media è di circa 139,7 euro. Questi costi vengono azzerati con le promozioni per i nuovi clienti che permettono non solo di annullare la spesa per la disattivazione, ma consentono un guadagno che - per chi attiva una tariffa ADSL - può arrivare fino a 50,2 euro in media, mentre per i firmatari di contratti in fibra ottica la convenienza arriva a 55,3 euro.

Chi cambia può beneficiare di bonus fino a 168 o 181 euro a seconda che si opti per una connessione ADSL o fibra. Tali bonus, che permettono di assorbire anche i costi di eventuali penali pagate per il passaggio, derivano dagli sconti sui canoni mensili che vengono proposti ai nuovi clienti e da eventuali beni (come il modem) o servizi offerti gratuitamente con l’attivazione della fornitura.

Cambiare dopo un anno anziché due fa perdere 15 euro: secondo il sito di confronto, infatti, disdire una tariffa fibra dopo un anno dall’attivazione ha un costo complessivo (disattivazione del servizio, più penali per il recesso anticipato) di circa 209,5 euro mentre disdire una tariffa ADSL costa in media 195,4 euro. L’indagine di SosTariffe.it ha rilevato che se il passaggio al nuovo provider avviene dopo 1 anno dall’attivazione, lo sconto ottenibile con la nuova tariffa permette di recuperare fino al 92% del costo sborsato per la disattivazione del servizio e per le penali delle tariffe ADSL. In questo caso il passaggio avrà un costo medio massimo, rilevato da SosTariffe.it, di soli 14,93 euro. Per le tariffe fibra, invece, traslocare ad altro provider può costare fino a 10,81 euro: le offerte per nuovi clienti del provider di destinazione consentono un recupero dei costi di uscita fino a circa il 95% in media.

Si parla di
Sullo stesso argomento

Cambiare fornitore di connessione internet conviene, ma solo dopo 24 mesi

Today è in caricamento