rotate-mobile
Sabato, 28 Gennaio 2023
Asso di denari

Asso di denari

A cura di Carlo Sala

Durata e copertura del congedo straordinario retribuito

Il congedo straordinario retribuito, per chi può chiederlo per assistere una persona cara gravemente malata, consente di assentarsi dal lavoro senza perdere la retribuzione, ma la durata dell’assenza che si può legittimamente ottenere ed anche la copertura economica di tale assenza variano a seconda della propria situazione lavorativa.

Per i lavoratori con part time verticale la durata del congedo è ridotta, perché viene fissata in misura proporzionale alle giornate di lavoro prestate durante l’anno e per tutto il periodo di part time.

Il congedo straordinario può essere chiesto per un massimo di 2 anni nell’arco della vita lavorativa, e può essere frazionato in giornate (on vengono conteggiati eventuali giorni di ferie, periodi di malattia, festività e sabati che cadano tra il congedo straordinario e l’effettiva ripresa del lavoro).

Chi è in congedo straordinario percepisce un’indennità sostitutiva della retribuzione che avrebbe ricevuto se non avesse dovuto dedicarsi alle cure di una persona cara  disabile, esclusi però gli emolumenti variabili ed entro un limite massimo di reddito rivalutato annualmente. I periodi di congedo non valgono per la maturazione di ferie, tredicesima e tfr, ma sono validi ai fini dell’anzianità assicurativa (quindi, se per esempio si prende un periodo di congedo straordinario di 3 mesi, la tredicesima sarà calcolata sui 9 mesi in cui si è lavorato). L’indennità per il congedo straordinario richiesto durante la sospensione parziale dell’attività lavorativa con intervento della Cassa Integrazione Guadagni (CIG a orario ridotto) o durante un contratto di solidarietà con riduzione dell’orario di lavoro viene calcolata sempre con riferimento all’ultima retribuzione percepita, al netto del trattamento integrativo.

L’indennità di congedo straordinario è anticipata dal datore di lavoro con la possibilità di conguaglio con i contributi dovuti all’Inps. Per gli operai agricoli a tempo determinato e a tempo indeterminato, per i lavoratori dello spettacolo saltuari o con contratto a termine l’indennità è invece direttamente pagata direttamente dall’Inps.

Il congedo straordinario va sempre chiesto per via telematica, scegliendo tra 3 modalità:

  • accendo direttamente, tramite Pin, al sito Inps e alla sezione servizi telematici;
  • attraverso i sistemi telematici dei patronati;
  • attraverso il numero 803164 gratuito per chi chiama da telefono fisso e il numero 06164164 con tariffazione a carico per chi chiama da cellulare.

Si parla di
Sullo stesso argomento

Durata e copertura del congedo straordinario retribuito

Today è in caricamento