Martedì, 20 Aprile 2021
Asso di denari

Asso di denari

A cura di Carlo Sala

I dazi di Trump potrebbero incidere su esportazioni italiane per 37,7 miliardi di euro

Donald Trump

I nuovi dazi alle importazioni introdotti negli Stati Uniti d'America rappresentano una minaccia il made in Italy ed il Centro studi di Unimpresa, ha provato a quantificarne gli effetti, sulla base di dati del 2016.

I dazi potrebbero colpire beni italiani per 37,7 miliardi di euro, prendendo come base su cui potrebbero agire il valore dell’export dalla penisola agli Usa nel 2016, che peraltro risulta in crescita di anno in anno: nel 2016 il valore delle esportazioni fu del 2,6% più alto rispetto al 2015, quando aveva toccato quota 35,9 miliardi (nel 2014 si era attestato a 29,8 miliardi).

I macchinari sono i prodotti più esposti, perché sempre secondo i dati del 2016 rappresentano la voce più consistente di export dall’Italia agli States (7,1 miliardi di euro), seguiti dagli autoveicoli con 4,5 miliardi (12%) e dalla categoria "navi, treni, aerei», del valore di 3,6 miliardi (9,89%). Unimpresa segnala nel dettaglio una crescita di 212 milioni (+3,05%) nelle esportazioni di macchinari (la quota sul totale dell’export è stata del 19,40%) e di 873 milioni (+31,43%) per l'export di navi, treni e aerei (il valore di 3,6 miliardi è stato pari al 9,89% dell’intero stock di prodotti spediti negli Usa), ma anche un calo di 375 milioni (-7,66%) dell'ammontare delle esportazioni di autoveicoli, sceso a 4,5 miliardi (12,24%).

Alimentari e bevande hanno pesato per 2,02 e 1,7 miliardi (5,49% e 4,66% delle esportazioni), in crescita rispettivamente di 137 e 74 milioni rispetto al 2015 (+7,25% e +4,49%).

Già in sofferenza sul mercato Usa prima dei dazi sono i prodotti tessili italiani, che nel 2016 hanno fatto registrare un valore di 515 milioni (1,39%), in diminuzione di 34 milioni (-6,19%) sull'anno precedente, l’abbigliamento, il cui valore sulle esportazioni oltre Atlantico si è fermato a 1,5 miliardi (4,25%), in discesa di 95 milioni (-5,71%) rispetto al 2015, e la pelle, con esportazioni per 1,7 miliardi (4,73%), in calo di 56 milioni (-3,11%).

Gli Usa hanno comprato elettronica e chimica italiana per 1,3 e 1,6 miliardi, prodotti farmaceutici per 1,9 miliardi e mobili per 911 milioni.

Si parla di

I dazi di Trump potrebbero incidere su esportazioni italiane per 37,7 miliardi di euro

Today è in caricamento