rotate-mobile
Venerdì, 24 Maggio 2024
Asso di denari

Asso di denari

A cura di Carlo Sala

Pro e contro della domiciliazione bancaria delle bollette

La domiciliazione bancaria delle bollette offre la comodità di pagare senza doversi muovere, ma occorre fare attenzione ad alcuni aspetti per evitare sorprese sgradite.

La domiciliazione consente di non versare depositi cauzionali ma è bene ricordarsi delle date in cui l’addebito viene effettuato per evitare di trovarsi sprovvisti della cifra relativa o di trovarsi con disponibilità inferiori a quelle previste, magari mentre si è in procinto di sostenere costi.

L’addebito automatico evita ritardi e quindi penalità, ma di nuovo occorre ricordarsi quando esso avviene, anche se è automatico, perché in caso di mancanza delle somme con cui saldarlo, l’addebito potrebbe essere rifiutato e dunque le eventuali penalità non saranno evitate ma contribuiranno ad aumentare quanto si deve saldare.

E’ bene controllare ogni volta gli importi addebitati e saldati automaticamente attraverso il Rid bancario o mandato Sepa, conto online o carta di credito. L’addebito infatti è automatico anche se gli importi non sono corretti e si basano su consumi stimati e quindi superiori a quelli reali. Si può ovviamente presentare reclamo contro addebiti non corretti, ma a monte il consiglio è quello di procedere al monitoraggio continuo dei consumi in modo da evitare tariffe extrasoglia.

Un errato addebito può essere reclamato contattando il proprio Istituto di credito effettuando la richiesta dello storno del pagamento. La richiesta può essere fatta in 3 modi:

  • presso una delle sedi della propria banca, dove verranno compilati i documenti necessari per la richiesta di storno;
  • inviando una Pec specificando causale, numero del conto e importo addebitato;
  • inviando una raccomandata a/r specificando il numero del conto, il soggetto titolare, la causale e l’importo addebitato.

Si parla di

Pro e contro della domiciliazione bancaria delle bollette

Today è in caricamento