Giovedì, 25 Febbraio 2021
Asso di denari

Asso di denari

A cura di Carlo Sala

L’e-commerce è sempre più rosa, cresce il ricorso a comparatori di prezzi

Al di là delle querelle innescata da Luigi Di Maio sulla chiusura domenicale dei negozi, il commercio passa sempre più per il web (secondo il report di Nielsen sull’e-commerce nel mondo, le vendite globali online stanno crescendo 4 volte più velocemente delle vendite offline e raggiungeranno i l valore di 400 miliardi di dollari entro il 2022). All’interno di questo fenomeno, Idealo, portale internazionale di comparazione prezzi, ha voluto approfondire l’argomento, ha evidenziato alcuni trend peculiari del 2018.

Nel 2018 cresce soprattutto l’e-commerce al femminile: rispetto al 2017 sono aumentate del 200% le ricerche di prodotti di make up e per la cura di viso, corpo e capelli, di solari fon e profumi. Le donne maggiormente coinvolte sono quelle che appartengono alla fascia di età tra i 35 e i 44 anni.

La categoria di prodotti più ricercata è quella del food&beverage: i vini bianchi hanno registrato la crescita di interesse più elevata rispetto all’anno precedente, ma ottimi risultati hanno riscosso anche i vini rossi e le bottiglie di champagne, spumante e prosecco.  Moët & Chandon Brut Impérial, Veuve Clicquot Brut, Pommery Brut Royal, Ferrari Brut e Moët & Chandon Rosé Impérial tra i prodotti più cercati, i ricercatori sono soprattutto (28,5%) giovani tra i 25 e i 34 anni (in prevalenza maschi: 62,9%).

Crescono anche le ricerche di prodotti “unisex, in particolare di profumi,  orologi da polso e, soprattutto, lampade dei grandi marchi di design. Anche in questo caso la maggior parte delle ricerche viene effettuata da donne (56,7%) di una fascia di età compresa tra i 35 e i 44 anni (31,2%).

Le donne navigano per shopping sopratutto con lo smartphone: le ricerche di prodotti tipicamente femminili tramite device mobile sono il doppio di quelle effettuate attraverso desktop, mentre il divario si riduce sensibilmente quando la ricerca riguarda prodotti di altro genere (la ricerca di lampade da parte di donne, ad esempio, avviene nel 46,4% dei casi tramite apparecchio mobile e nel 42,3% tramite desktop).

Sia donne che uomini usano sempre più comparatori di prezzi online, il cui utilizzo è in crescita del 48,6% rispetto all’anno scorso.

Si parla di
Sullo stesso argomento

L’e-commerce è sempre più rosa, cresce il ricorso a comparatori di prezzi

Today è in caricamento