Domenica, 26 Settembre 2021

Come ottenere un finanziamento per comprare un’auto

Il finanziamento è la via più utilizzata per acquista una vettura e può essere  seguita scegliendo tra diverse possibilità: prestiti personali o finalizzati oppure cessione del quinto dello stipendio (o della pensione). Di seguito qualche consiglio sulla formula da scegliere.

Il finanziamento tramite prestito personale consente di riceve denaro da una banca, un istituto finanziario o da un punto vendita ed è legato alla persona, al contraente che firma il contratto e che si assume la responsabilità dei pagamenti, e non richiede garanzie come invece per il mutuo. I pagamenti avvengono con bollettini postali o con addebito su conto corrente. Per ottenere un prestito personale occorrono il profilo di credito, il rapporto di credito, i dati anagrafici e le informazioni sulla posizione lavorativa del richiedente. La domanda di prestito viene valutata dalla banca o dall’istituto finanziario in base ai dati forniti dalla Centrale Rischi, ed ove non vi siano intoppi si arriva al contratto di prestito, cioè all’accordo tra il soggetto e l’istituto di credito, che include la somma del prestito, le modalità in cui verrà erogato, l’ammontare del tasso di interesse applicato su ogni rata, il numero e l’importo di ogni singola rata il Taeg e il Tan.

Il finanziamento tramite prestito finalizzato (o rateale) è invece legato al bene che si sta per acquistare (in questo caso l’auto) e va quindi chiesta al punto vendita del bene (in questo caso tipicamente una concessionaria). La somma di denaro del prestito si paga esclusivamente a rate. 

Il finanziamento tramite cessione del quinto prevede la trattenuta di un quinto dello stipendio per ripagare la somma dovuta, può essere richiesto da dipendenti pubblici e privati, sia con contratto a tempo determinato che indeteminato, nonché dai pensionati e prevede la restituzione della somma dovuta attraverso rate mensili, a tasso fisso, trattenute dalla pensione o dallo stipendio. Nella cessione del quinto è il datore di lavoro/ente pensionistico ad interfacciarsi con l’istituto di credito e la rata viene automaticamente addebitata in busta paga o sul cedolino della pensione, pertanto occorrono: un documento d’identità valido, il codice fiscale, l’ultima busta paga o il cedolino della pensione, la certificazione unica per i lavoratori dipendenti.

L’acquisto tramite prestito comporta interessi che di norma figurano già nel preventivo della compravendita (quando si è deciso di non comprare cash). Il Tasso annuo nominale (Tan) è la percentuale d’interesse annuo applicato alla somma concessa in prestito e non contiene tutte le spese accessorie per il finanziamento. Il vero indicatore del costo del finanziamento è il Taeg, che include il tasso di interessi e il costo delle spese accessorie.

Il tasso zero riguarda il Tan ma non il Taeg e dunque un prestito a tasso zero non significa che non vi siano spese accessorie da pagare. Il tasso zero, inoltre, comporta la sottoscrizione di un polizia furto e incendio.

Si parla di
Sullo stesso argomento

Come ottenere un finanziamento per comprare un’auto

Today è in caricamento