Lunedì, 2 Agosto 2021

In Italia redditi bassi e insicuri per 9,3 milioni di persone

Il Centro studi di Unimpresa registra più disoccupazione e più lavoratori precari.

Oltre 9,3 milioni di italiani sono a rischio povertà: dal 2015 al 2016 altre 105mila persone si sono aggiunte a quelle che già si trovavano nella fascia sociale dei deboli in Italia portando il numero complessivo di questi ultimi a 9 milioni e 347mila (in percentuale, l’aumento è stato dell’1,14% tra l’ultimo trimestre del 2015 ed il primo del 2016).

In un anno sono aumentati di 28mila unità i lavoratori non stabili, che dunque sono esposti al rischio di veder peggiorare la propria situazione. Complessivamente, accanto agli oltre 3 milioni di persone disoccupate, in Italia vi sono 803mila contratti di lavoro part-time a tempo determinato, 1,7 milioni di contratti a tempo determinato a orario pieno, 803mila lavoratori autonomi part time, 3,284 milioni di collaboratori e 2,67 milioni di contratti a tempo indeterminato part time (2,67 milioni).

A fine 2016, 6,27 milioni di persone avevano lavori poco pagati o poco stabili, secondo i calcoli effettuati dal Centro studi di Unimpresa sulla base dei dati Istat.

Accedere al sostegno per l'inclusione attiva sarà più facile ed i beneficiari della misura 'ponte' a sostegno delle famiglie in povertà potrebbero raddoppiare, secondo quanto ha annunciato il Ministero del lavoro, spiegando che con la pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale il Decreto del Ministro (di concerto con il Tesoro) modificherà alcuni criteri di accesso al Sia. «È un'altra tappa significativa nel percorso che conduce a grandi passi verso il Reddito di inclusione», ha affermato il ministro Giuliano Poletti.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Italia redditi bassi e insicuri per 9,3 milioni di persone

Today è in caricamento