rotate-mobile
Mercoledì, 19 Giugno 2024
Asso di denari

Asso di denari

A cura di Carlo Sala

La spesa degli italiani? Dopo l’alimentazione, viene la cura di sé

La spesa per prodotti per prendersi cura di sé è una delle voci in più forte crescita, secondo l’edizione 2018 dell’Osservatorio Non Food di GS1 Italy, per quanto attiene gli esborsi degli italiani al di fuori dell’alimentazione.

Per acquisti extra-alimentari gli italiani hanno speso 103,7 milioni in più rispetto al 2016 (+0,5%) suddivisi in 13 settori.

Gli acquisti di articoli sportivi nel 2017 sono cresciuti del 2,5%; per attrezzature sportive (dagli attrezzi per il corpo ai misuratori di potenza per l’attività fisica svolta) sono stati spesi quasi 2 miliardi. E-commerce (+14,3%) e grandi superfici specializzate (+8,9%) sono stati i canali preferiti per questo tipo di acquisti.

Gli acquisti di prodotti di profumeria hanno toccato i 5,7 miliardi di euro (+3,1%) consolidando un trend positivo che prosegue da 5 anni (+7,9%). I cosmetici hanno registrato vendite per 10,5 miliardi (incluso l’export verso l’estero): oltre metà del valore delle vendite in Italia è stato realizzato da super e iper-mercati, con 4,150 miliardi di prezzi venduti (le farmacie si sono fermate a 1,8 milioni di prodotti cosmetici venduti).

Le vendite di prodotti di automedicazione hanno raggiunto i 6,3 miliardi di euro, di cui oltre 4 miliardi generati da prodotti a connotazione farmaceutica (come integratori, prodotti erboristici ed omeopatici), che in un anno sono aumentati del 7% a valore e che rappresentano sempre più un competitor importante per i farmaci da banco. Su base annua, le vendite di farmaci acquistabili senza prescrizione medica e integratori notificati dal Servizio sanitario nazionale sono aumentate del 2,4% tra il 2017 e il 2016.

L’edutainment è cresciuto del 3,7%, testimoniando un maggior desiderio degli italiani di imparare e divertirsi nello stesso tempo.

Si parla di

La spesa degli italiani? Dopo l’alimentazione, viene la cura di sé

Today è in caricamento