rotate-mobile
Martedì, 31 Gennaio 2023
Asso di denari

Asso di denari

A cura di Carlo Sala

Porte aperte in azienda per quasi un milione e mezzo di diplomati

Per i diplomati ci sono più posti disponibili, nelle imprese, che per i laureati, secondo le indicazioni provenienti dal Sistema informativo Excelsior, che Unioncamere realizza in collaborazione con Anpal, in merito ai programmi occupazionali delle imprese dell’industria e dei servizi per l’anno in corso. I diplomati ricercati ammontano infatti a 1,415 milioni (mentre i laureati ricercati si fermano sotto la soglia del mezzo milione).

L’indirizzo amministrativo, finanza e marketing è il diploma più ricercato dalle imprese italiane. I contratti attivati per questo profilo nel 2017 dovrebbero essere 252mila, vale a dire il 18% della richiesta complessiva di diplomati. Anche per l’indirizzo meccanico, meccatronico e dell’energia e per quello elettronico-elettrotecnico le possibilità di lavoro sono significative: 128mila contratti per i primi e 78mila per i secondi. Buone opportunità occupazionali si aprono anche per quanti hanno conseguito il titolo di scuola superiore con indirizzo turismo-enogastronomia-ospitalità, per i quali le imprese hanno messo in programma 126mila inserimenti. Altrettanto rilevante la richiesta di diplomati a indirizzo trasporti e logistica (44mila) e informatica e telecomunicazioni (40mila).

In quasi 550mila casi non è richiesto un diploma specifico, perché le aziende sono alla ricerca di persone con un buon livello di cultura generale, quale il diploma attesta qualunque sia il percorso di studi al cui termine è stato maturato, alle quali affidare mansioni di vendita e di rapporto con la clientela o altre attività non tecniche.

Le imprese si attendono difficoltà nel reperire un diplomato su 5, perché prevedono problemi nell’individuare candidati con i requisiti e il percorso di studi ottimale per 290mila contratti da stipulare, non sarà semplice da trovare, dicono le imprese. Il problema più frequente è legato alle competenze ritenute non adeguate (interessa il 48% degli inserimenti previsti). La seconda motivazione in ordine di importanza riguarda, invece, il 'gap di offerta', che spiega il 42% delle difficoltà.

I diplomati più difficili da reperire sono quelli in informatica e telecomunicazioni (il 45% delle ricerche presenta questa problematica). A seguire i diplomati in elettronica-elettrotecnica, tra i quali il 37% non sarà facile da trovare. Al terzo posto della graduatoria, i diplomati con indirizzo meccanica-meccatronica-energia (con problemi di reperimento nel 35% dei casi).

Si parla di
Sullo stesso argomento

Porte aperte in azienda per quasi un milione e mezzo di diplomati

Today è in caricamento