Venerdì, 5 Marzo 2021
Asso di denari

Asso di denari

A cura di Carlo Sala

Perché l’effetto moltiplicatore della manovra di governo può rivelarsi una bufala

Una manovra in deficit lasciando più soldi in tasca agli italiani contribuirà al rilancio dell’economia, sostiene il governo, perché i soldi lasciati ai cittadini avranno un effetto moltiplicatore, grazie alle maggiori spese cui quei soldi condurranno. Il problema, però, è che l’effetto moltiplicatore spesso si rivela una bufala.

L’effetto moltiplicatore funziona se i consumatori hanno fiducia, anzitutto, perché in assenza di fiducia, se si aspettano che la situazione possa peggiorare, anziché spendere le risorse lasciate loro i cittadini preferiranno, tendenzialmente, accantonarle per far fronte alle difficoltà che mettono in conto che arriveranno. E’ questo il caso, per fare un esempio, di chi teme che il rating negativo dato all’Italia dopo la manovra porti a un peggioramento delle prospettive, e magari anche  a una futura patrimoniale per raddrizzare i conti pubblici.

L’effetto moltiplicatore potrebbe essere vanificato dagli enti locali attraverso rincari delle tasse e tariffe di loro competenza. E’ già successo, secondo la Uil, con gli 80 euro in busta paga del governo Renzi: a fronte della maggior liquidità dei cittadini, gli enti locali rincararono i prelievi di propria competenza così da drenare a proprio vantaggio le risorse che il governo voleva lasciare ai cittadini perché li usassero come meglio credevano.

L’effetto moltiplicatore appare già ridimensionato dal rincaro dei mutui dovuti all’aumento dello spread: accendere un nuovo mutuo oggi costa più che in passato e questo significa che le maggiori risorse lasciate ai cittadini finiranno in realtà alle banche sotto forma di maggiori interessi percepiti per il mutuo concesso.

L’effetto moltiplicatore ha luogo solo se l’offerta può crescere al crescere della domanda innescata dalla maggior liquidità a disposizione delle persone. Se con le maggiori risorse in tasca i cittadini si orientassero verso l’acquisto di prodotti per i quali la capacità produttiva è già pienamente (o ampiamente) utilizzata, la loro domanda non stimolerà alcuna ripresa produttiva (o la stimolerà molto poco) mentre potrà innescare un aumento dei prezzi.

Si parla di
Sullo stesso argomento

Perché l’effetto moltiplicatore della manovra di governo può rivelarsi una bufala

Today è in caricamento