rotate-mobile
Mercoledì, 8 Dicembre 2021

I minimi retributivi in vigore per il 2018 per collaboratori domestici e familiari

Dall’1 gennaio di quest’anno sono in vigore nuovi minimi retributivi per coloro che svolgono lavori domestici e badanti. Il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali ha disposto l’aggiornamento delle retribuzioni minime sulla base delle variazioni sul costo della vita registrato a novembre 2017 dall’indice Istat ed anche le indennità sostitutive di vitto e alloggio spettanti a chi svolge il lavoro domestico a servizio intero (che occupa la maggior parte della giornata) e la presenza notturna (esclusa dalle prestazioni lavorative), compresa dalle ore 21 alle 8 del mattino successivo, è stata rivista.

L’aumento per collaboratori domestici (non assistenti della persona) con pregressa esperienza non superiore a un anno sarà di 629,15 euro al mese in caso di convivenza e di 4,57 euro per ora in caso di non convivenza. Per il livello A Super il salario previsto per gli addetti alla compagnia, baby sitter (mansioni occasionali e/o saltuarie) sarà di 743,55 euro mensili per i conviventi e di 5,39 all’ora per i non conviventi.
L’aumento dei collaboratori familiari con esperienza sarà di 800,74 euro al mese in caso di convivenza e di 5,72 euro all’ora in caso contrario. Per il livello B Super, ossia per chi assiste persone non autosufficienti, lo stipendio mensile per conviventi sale a 857,94 euro (986,62 euro mensili per l’assistenza notturna di persone autosufficienti) e a 6,06  euro l’ora se non c’è convivenza.

L’aumento dei collaboratori familiari di livello C, con conoscenze di base sia tecniche che teoriche che operano autonomamente e responsabilmente, porta il salario mensile a 915,15 euro mensili o a 6,40 euro all’ora a seconda che vi sia o meno convivenza. Per il livello C Super, in cui rientrano coloro che assistono persone non autosufficienti (senza requisiti professionali), la paga mensile per i non conviventi è fissata a 972,33 euro al mese (per l’assistenza notturna di persone non autosufficienti sarà di 1.118,18 euro mensili), mentre la paga oraria per i collaboratori non conviventi a 6,74 euro.

L’aumento dei collaboratori di livello D, in possesso degli adeguati requisiti professionali, porta lo stipendio mensile a 1.143,91 euro (con un’indennità di 169,15 euro) per i conviventi e a 7,78 euro per i non conviventi. Per i livello D Super che assistono persone non autosufficienti con un’adeguata formazione professionale il salario mensile sarà di 1.201,11 euro (indennità di 169,15 euro) per i conviventi, per l’assistenza notturna di persone non autosufficienti lo stipendio mensile sarà di 1.381,30 euro, e per i non conviventi la paga oraria sarà di 8,12 euro. Il superminimo è assorbibile e dunque ove i datori di lavoro eroghino importi più alti rispetto al minimo la retribuzione rimarrà invariata.
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

I minimi retributivi in vigore per il 2018 per collaboratori domestici e familiari

Today è in caricamento