Lunedì, 12 Aprile 2021
Asso di denari

Asso di denari

A cura di Carlo Sala

Nel 2017 il minimo di morti sul lavoro

Foto di repertorio

Secondo l’ultima relazione annuale dell’Inail il 2017 ha fatto registrare il nuovo minimo di morti sul lavoro. L’anno scorso le morti sul lavoro sono state 617, il 58% delle quali fuori dall’azienda e 'in itinere’, cioè nei percorsi casa-lavoro. Il numero totale delle morti potrebbe salire a 651, perché per 34 casi sono ancora in corso accertamenti, ma il risultato è comunque il migliore dal 1951. Nel 2016 le morti sul lavoro erano state 670. 

Le denunce di infortunio mortale sul lavoro nel 2017 sono state 1.112, nel 2018 già 389 (il dato diffuso dall’Inail riguarda i primi 5 mesi ed è del 3,7% più alto rispetto allo stesso periodo del 2017, in cifra assoluta si tratta di 14 casi in più). Le denunce di infortunio sul lavoro del 2017 sono state in tutto 641.000, in linea con il 2016, e ne sono state riconosciute 417.000 di cui il 19% fuori dall’azienda. Nei primi 5 mesi di quest’anno gli infortuni mortali avvenuti nel tragitto di andata e ritorno tra abitazione e posto di lavoro sono saliti a 118 (contro i 104 dello stesso periodo del 2017), mentre per quelli occorsi "in occasione di lavoro" le denunce sono state 271 come un anno fa.

Gli infortuni lavorativi hanno causato circa 11 milioni di giornate di inabilità con costo a carico dell'Inail: in media 85 giorni per infortuni che hanno provocato menomazione e circa 21 giorni in assenza di menomazione. Le denunce di malattie professionali nel 2017 sono state 58.000, circa 2.200 in meno rispetto al 2016 ma in aumento del 25% rispetto al 2012. Il 65% delle denunce ha riguardato patologie del sistema osteomuscolare. A fine anno erano in essere 726.000 rendite per inabilità permanente e ai superstiti (-2,56% sul 2016).

La maggioranza degli incidenti mortali sul lavoro del 2017 è avvenuta sulla strada: su 617 incidenti mortali accertati 450 sono stati "in occasione di lavoro" e 167 in itinere, ma tra quelli riconosciuti in occasione di lavoro (e quindi durante le ore di lavoro e non nel tragitto per arrivare o tornare dall'ufficio o dalla fabbrica) 193 sono stati "con mezzo di trasporto" e 257 senza mezzo di trasporto.

Per i morti in occasione di lavoro ma senza mezzo di trasporto si è registrato un calo del 16,5% sul 2016 e del 27,8% sul 2015. 
Industria e servizi hanno registrato 532 gli infortuni mortali (152 dei quali in itinere), l’agricoltura 74 (8 in itinere) mentre 11 sono stati quelli per conto dello Stato (7 in itinere). La grande maggioranza dei morti accertati sul lavoro erano italiani (514) mentre 33 provenivano da altri paesi dell'Unione e 70 erano extracomunitari. Quasi la metà degli infortuni mortali accertati (287, il 46,5%) ha riguardato persone con più di 50 anni. Tra questi 55 morti hanno riguardato persone con più di 65 anni.

Si parla di
Sullo stesso argomento

Nel 2017 il minimo di morti sul lavoro

Today è in caricamento