Martedì, 26 Ottobre 2021

Pubblica amministrazione on line? Per ora resta una chimera

Il Team Digital di Diego Piacentini, commissario all’Agenda digitale presso la Presidenza del Consiglio, è ancora lontano dal produrre risultati sensibili per i cittadini che interagiscono con la pubblica amministrazione, secondo quanto rileva un’analisi dell’osservatorio Agenda Digitale del Politecnico di Milano. E le scadenze previste dalla legge appaiono una chimera, viste le inadempienze della pubblica amministrazione a fronte dei termini che le sono stati dati dalla stessa legge.

Solo il 36% dei servizi può essere utilizzato dal cellulare, contro una media europea del 54%. Anche se la digitalizzazione della pubblica amministrazione italiana procede con un ritmo che è in linea con la media europea, il progetto PagoPa, cioè la possibilità di pagare tutti i servizi della PA per via elettronica, appare in ritardo sui tempi previsti dalla legge, che imporrebbe a tutte le amministrazioni di far pagare in questo modo almeno uno dei propri servizi entro dicembre 2017 (secondo i dati del Team Digital solo poco più della metà delle PA ha adempiuto alla legge). Ancor più gravi sono i ritardi relativi ai progetti Anagrafe Unica e Spid.

Solo il 19% degli italiani, nel 2016, ha interagito in digitale con la PA, contro una media europea del 52%, secondo l’ultimo rapporto della Commissione di Bruxelles.

Solo il 38 degli italiani ha dimestichezza con le tecnologie digitali, contro il 51% della media nell’Ue). Ma il rapporto punta il dito sui ritardi della pubblica amministrazione. Di contro il 60% degli italiani non si accontenta di servizi digitali ma vorrebbe automatizzare del tutto il rapporto con la pubblica amministrazione.

Si parla di
Sullo stesso argomento

Pubblica amministrazione on line? Per ora resta una chimera

Today è in caricamento