Martedì, 11 Maggio 2021
Asso di denari

Asso di denari

A cura di Carlo Sala

Niente più comunicazione di inizio lavori per 58 interventi sugli immobili

Con la pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale del “Glossario dell’edilizia libera” non occorrerà più la comunicazione di inizio lavori o progetti tecnici al Comune per una serie di opere indicate dal glossario stesso e ci saranno quindi meno costi e meno procedure burocratiche da sostenere per opere di ristrutturazione o lavori in casa.

La comunicazione di inizio lavori non sarà più richiesta per 58 opere che in precedenza necessitavano di particolari permessi. Ecco le opere che d’ora in poi potranno essere fatte liberamente:

  • riparazione, rinnovamento o sostituzione della pavimentazione interna ed esterna:;
  • tinteggiatura, riparazione e rifacimento dell’intonaco (esterno e/o interno);
  • riparazione, rinnovamento e sostituzione della decorazione facciate;
  • riparazione, rinnovamento e sostituzione degli impianti di scarico e opere di lattoneria;
  • riparazione, rinnovamento e sostituzione del rivestimento interno ed esterno;
  • riparazione, rinnovamento e sostituzione di infissi e serramenti sia esterni che interni;
  • installazione, riparazione, rinnovamento e sostituzione di inferriate e altre opere anti intrusione;
  • riparazione, rinnovamento, sostituzione e aggiunta di altri elementi per la rifinitura delle scale;
  • riparazione, rinnovamento, sostituzione e aggiunta di altri elementi e rifiniture per scala retrattile e di arredo;
  • messa a norma, riparazione, rinnovamento e sostituzione di ringhiere e parapetti;
  • riparazione, rinnovamento e sostituzione che dovranno rispettare le caratteristiche di tipologia e di materiali utilizzati per il manto di copertura;
  • controsoffitti strutturali e non strutturali;
  • sostituzione, riparazione e rinnovamento che dovranno essere realizzate al fine della messa a norma e dell’integrazione dell’impianto per comignoli e impianti di estrazione fumi terminali a tetto;
  • messa a norma, riparazione , sostituzione e rinnovamento sia delle cabine che dell’impianto di ascensori e opere di sollevamento verticale;
  • riparazione, sostituzione, realizzazione di tratto di canalizzazione e sottoservizi, messa a norma della rete fognaria;
  • riparazione, integrazione, efficientamento, rinnovamento e/o messa a norma dell’impianto elettrico;
  • riparazione, integrazione, efficientamento, rinnovamento (compreso il tratto fino all’allacciamento alla rete pubblica) e/o messa a norma dell’impianto per la distribuzione e l’utilizzazione del gas;
  • riparazione, integrazione, efficientamento, rinnovamento, sostituzione e integrazione apparecchi dell’impianto igienico e idro-sanitario;
  • installazione, riparazione, integrazione, rinnovamento, efficientamento e/o messa a norma degli impianti di illuminazione esterna;
  • installazione, adeguamento, integrazione, rinnovamento, efficientamento, riparazione e/o messa a norma degli impianti antincendio;
  • installazione, adeguamento, integrazione, efficientamento (comprese le opere correlate di canalizzazione) e/o messa a norma degli impianti di climatizzazione;
  • riparazione, adeguamento, integrazione, efficientamento (comprese le opere correlate di canalizzazione) e/o messa a norma degli impianti di estrazione fumi;
  • installazione, riparazione, sostituzione, rinnovamento e/o messa a norma dei sistemi di ricezione e trasmissione (antenne, parabole, ecc.);
  • installazione, riparazione, sostituzione, rinnovamento e/o messa a norma  dei punti di ricarica per veicoli elettrici;
  • installazione, riparazione, sostituzione, rinnovamento e/o messa a norma di pompe di calore di potenza termica inferiore a 12 kW utile nominale (compresi gli interventi di installazione di pompe di calore aria-aria);
  • installazione, riparazione, sostituzione, rinnovamento e/o messa a norma di depositi di gas di petrolio liquefatti la cui capacità complessiva non deve superare i 13 metri cubi;
  • installazione, riparazione, sostituzione, rinnovamento e/o messa a norma di ascensori e montacarichi, servoscala o similari, rampe, impianti igienici e idro-sanitari e apparecchi sanitari, dispositivi sensoriali;
  • realizzazione, installazione, riparazione, sostituzione e rinnovamento di pannelli solari, fotovoltaici e generatori microeolici

I 58 lavori liberi dovranno comunque rispettare determinate regole quali il rispetto delle indicazioni degli strumenti urbanistici urbani, il rispetto delle normative edilizie e, in particolare, di quelle antisismiche, igienico-sanitarie, antincendio, di sicurezza, efficienza energetica, tutela del rischio idrogeologico, il rispetto le indicazioni contenute nel decreto legislativo 42/2004  in tema di beni culturali e paesaggio.

Si parla di
Sullo stesso argomento

Niente più comunicazione di inizio lavori per 58 interventi sugli immobili

Today è in caricamento