Martedì, 20 Aprile 2021
Asso di denari

Asso di denari

A cura di Carlo Sala

In scadenza nel 2018 titoli di Stato per oltre 175 miliardi, Lega e M5s tentano un primo passo per l’eurexit

Il debito pubblico italiano potrebbe essere più caro di 3 miliardi di euro a fine anno, per via dei tassi sui titoli di Stato legati ai timori che l’Italia non sia in grado di saldare quanto dovuto. E intanto una prima mossa tentata al Parlamento europeo dalla coalizione che governa l’Italia ripropone i dubbi sulla lealtà di Roma rispetto alla moneta unica e ai debiti espressi in quella divisa.

Tra fine maggio e dicembre scadranno oltre 175 miliardi di euro di titoli di Stato stando a quanto emerge da uno studio di Consultique, società specializzata nell'analisi finanziaria.

L'Italia potrebbe ritrovarsi con 3 miliardi di debito in più rispetto ad oggi se i tassi dei nuovi titoli emessi per rifinanziare i bond in scadenza dovessero salire intorno al 3%. In particolare, ipotizzando un aumento parallelo della curva dei tassi per ogni scadenza, Consultique individua come soglia critica un rialzo dei tassi mediamente pari al +2,8%

Lega e M5s hanno votato la creazione di un fondo per l’uscita dall’euro al Parlamento europeo. I 6 europarlamentari leghisti e 13 dei 14 eurocittadini pentastellati hanno sostenuto un emendamento alla risoluzione del Parlamento europeo sul bilancio dell'Ue per il periodo 2021-2027, che è però stato rigettato dalla maggioranza dei 750 eurodeputati (i voti favorevoli sono stati in tutto 90).

La proposta votata da Lega e M5s proponeva un sostegno per l’eurexit attraverso l'istituzione di programmi di sostegno finanziario "per Stati membri che intendono negoziare la loro uscita dall’euro" che consentisse a chi lasciasse la moneta comune di ottenere un risarcimento per "i danni sociali ed economici causati dall'appartenenza alla zona euro".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In scadenza nel 2018 titoli di Stato per oltre 175 miliardi, Lega e M5s tentano un primo passo per l’eurexit

Today è in caricamento